Reggina-Casertana, le pagelle degli amaranto

110

Ecco le pagelle degli amaranto dopo la gara di questo pomeriggio con la Casertana:

CONFENTE 6: Nei minuti conclusivi mantiene alta la concentrazione ma non viene mai, seriamente, chiamato in causa.

CONSON 7: Se gli avanti casertani non si fanno mai vivi dalle parti di Confente è anche merito suo. Gioca spesso d’anticipo e fa valere il suo grande stacco sulle palle alte.

GASPARETTO 7: Grande personalità nel guidare la difesa con grande ordine. Un vero trascinatore nel reparto arretrato.

SOLINI 7: Completa il trio alla grande e si dimostra all’altezza degli altri uomini del reparto arretrato.

KIRWAN 7,5: Un gol da rapinatore d’area. Ma non solo: nel primo tempo affonda ripetutamente sulla destra, colpisce una traversa e sfiora ancora la rete sempre su corner. Per il neozelandese forse la migliore prestazione stagionale.

STRAMBELLI 6,5: Onnipresente e soprattutto assai insidioso sui corner dove nel primo tempo la Reggina potrebbe passare due volte.

DE FALCO 6,5: Fosse entrato quel pallone nel primo tempo staremmo qui a parlare di un gol da antologia. In generale una prova sui suoi livelli.

SALANDRIA 6,5: Tanta “garra” in mezzo al campo, forse anche un pò troppa, tanto che rischia grosso in qualche circostanza. Quando però raggiunge la calma innalza il suo livello.

FRANCHINI 6: Non affonda come Kirwan ma merita comunque la sufficienza per la gara ordinata.

TULISSI 5: Non lesina l’impegno, ma sbaglia due occasioni non da lui. Ma si rifarà.

BELLOMO 7: Una vera e propria spina nel fianco per la Casertana: nel primo tempo fornisce assist interessantissimi, nella ripresa ci mette del suo sul gol vittoria.

MARTINIELLO 5,5: Entra per dare profondità ma nell’unica occasione che gli capita si fa un pò prendere dalla frenesia.

BACLET, POGLIANO e MARINO: SV 

CEVOLI 7: Due partite due vittorie. Non poteva sognare ritorno migliore. Imbavagliata, ed annullata, una Casertana più esperta. Amaranto superiori nel primo tempo dove i legni gli hanno negato un meritato vantaggio. Per sognare serve la continuità.

TIFOSI 10: Una cornice degna di almeno una categoria superiore. E forse più. La Reggina, rispetto a molte altre squadre di Serie C ha proprio questo vantaggio. E, probabilmente, oltre alla società che adotta le giuste politiche per portare gente allo stadio, se ne stanno accorgendo, purtroppo per loro, anche gli avversari.

Martina Sirò

CONDIVIDI