Bagnara, l’evoluzione del Futsal

169

Serata all’insegna dello sport e della cultura, quella andata di scena ieri a Bagnara Calabra, presso la location della Biblioteca comunale “Generale Iracà”. La manifestazione “Estate in Biblioteca”, anche quest’anno ha riscosso un importante successo. Il tema trattato nella serata di ieri riguardava l’evoluzione del Futsal, diventata ormai una disciplina praticata da molti giovani.

A condurre la serata i due giornalisti Gianmarco Iaria e Rocco Calandruccio, i quali hanno dato subito la parola a Stefano Cosentino (Consigliere Comunale delegato allo Sport), per i rituali saluti istituzionali d’apertura. Tra gli ospiti illustri Daniele Cordiano, autore della tesi sullo sport e l’inclusione, immancabile poi il capitolo dedicato alla favola Futsal Polistena che nella scorsa stagione militò nella Seria A di Calcio a 5, dopo una scalata straordinaria. A seguire, Marcello Cordiano, padre di Daniele (Vicepresidente Cormar di Reggio Calabria), Roberto Zema (Vicepresidente Cataforio e collaboratore Cormar Calcio a 5), Fabio Auddino (Docente università telematica Pegaso), Giò Postorino (Allenatrice Calcio a 5 femminile Cus Cosenza), Girolamo Mesiti (Presidente regionale AIAC), Giuseppe Della Torre (Responsabile regionale Calcio a 5), Ingegnere Francesco Novello (Delegato Assemblare Divisione Calcio a 5), Andrea Farabini (Consigliere Divisione Calcio a 5, Delegato Futsal), Antonino Martino (Capitano Futsal Polistena, protagonista della promozione in A), infine sono intervenuti Leo Zema (allenatore squadra femminile Melicucco), Martina Cacciola (calciatrice) e Filomena Iatì (Responsabile provinciale Pigiesse Calabria).

Un parterre nutrito di presenze di rilievo, per disquisire non solo della disciplina del Futsal e dei risultati importanti ottenuti dalle società nel nostro territorio, ma anche della forte carenza di strutture. La questione strutture è un problema che ancora oggi è privo di soluzioni adeguate, con l’indifferenza totale da parte delle istituzioni che continuano a fingersi cechi di fronte a tutto ciò. Le società sono giunte all’esasperazione, costrette a dover emigrare lontano dai propri comuni di appartenenza per affrontare con tante difficoltà sia sul piano economico che organizzativo un’intera stagione agonistica. Gli esempi della Pro Reggina e quello più recente della Futsal Polistena, realtà straordinarie che hanno visto la loro bellissima storia avere un epilogo infelice, a causa dei problemi sopracitati. Per evitare che ciò accada nuovamente è necessario investire sulle strutture, ancor di più se si vuole far diventare il Calcio a 5 una disciplina olimpica e ottenere lo status di professionismo.

Nella provincia reggina per cercare di creare una nuova realtà del Calcio a 5, Cataforio e Futsal Polistena hanno deciso di unire le forze dando vita alla Cormar, formazione che sarà protagonista del campionato di A2. Una scelta dovuta per fare in modo che il Calcio a 5 possa essere ancora protagonista nella provincia reggina. Tutti i presenti hanno ribadito con convinzione la necessità di puntare sulle strutture, soprattutto se si vuole far crescere e coinvolgere più giovani possibili. Al termine c’è stato l’intervento conclusivo della responsabile della Biblioteca, Giuseppina Luppino, la quale oltre a ringraziare i presenti ha raccontato la realtà del calcio femminile a Bagnara Calabra, dove sono emerse nel corso degli anni tante ragazze talentuose che poi hanno fatto egregiamente la loro strada. Sport, cultura, confronto e condivisione rappresentano da sempre lo stile di chi gestisce egregiamente la Biblioteca “Generale Iracà”. Protagonista di questi eventi straordinari, utili per mettere in risalto la bravura di tanti autori della nostra provincia e coinvolgere un’intera comunità.

CONDIVIDI