Prof. Demaria, l’importanza dello sport anche in quarantena

177

Chi vive la quarantena come una pausa, oltre che da studio e lavoro, anche dallo sport, sbaglia! Già, perché mai come in questo periodo è fondamentale l’allenamento, per mantenere la “mens sana in corpore sano”! Trascorrere h24, 7 giorni su 7, in casa senza dedicare qualche minuto della propria quotidianità all’esercizio fisico può infatti portare a delle insperate conseguenze sia sul fisico che sulla psiche. Pensiero, questo, evidentemente condiviso dal professore Giovanni Demaria, direttore tecnico della palestra Pentathlon Fitness di Taurianova.

Visto l’impossibilità di andare in palestra come si può gestire un atleta da casa?
L’allenamento a casa ha sicuramente delle priorità diverse rispetto all’allenamento in palestra. Per un atleta mantenere e/o migliorare la massa muscolare costruita con tanto sudore diventa un’impresa ardua se non si hanno a disposizione una panca, un bilanciere, dei dischi, dei manubri e attrezzature varie.
Pertanto l’obiettivo principale sarà quello di limitare i danni approcciandoci agli allenamenti con diverse priorità (allenamenti alternativi/leggeri) e selezionando una gamma di esercizi che spesso trascuriamo (esercizi a corpo libero/monopodalici). Tutto questo senza andare in crisi esistenziale, poiché in questo tragico momento ci sono ben altre priorità rispetto alla performance atletica: salute in primis ed economia subito dopo (gli istruttori delle palestre sono tra quelli a casa senza stipendio).

Come ovviare alla mancanza di attrezzi specifici?
La mancanza di attrezzature specifiche non deve essere un limite all’allenamento.
Come ho detto prima, si possono eseguire degli esercizi a corpo libero alternati a degli allenamenti metabolici.
Per il lavoro muscolare a corpo libero si possono eseguire dei piegamenti, degli squat, degli affondi, dei plank ecc… utilizzando delle semplici bottiglie d’acqua o degli elastici (se si hanno a disposizione) per aumentare la difficoltà.
Per l’allenamento metabolico possiamo fare dei circuiti a tempo (circuiti Hiit) eseguendo due o più esercizi in successione (burpee/skip sul posto/salto con la corda ecc…).
Il tutto eseguito ad alta intensità, in quanto questo tipo di lavoro stimola il metabolismo basale bruciando più grasso corporeo, con un risvolto positivo anche a livello mentale.

Cosa può fare la tua palestra nei confronti dell’atleta?
Nel mio centro, già da tempo utilizziamo un software per l’allenamento online che ci mette a disposizione tutti gli strumenti per poter seguire i nostri atleti a distanza “Pentathlon 5.0”.
In questo momento di emergenza Coronavirus dove le restrizioni sono tante (del tutto giustificate) ci ha consentito di inviare ai nostri atleti delle schede di allenamento personalizzate da eseguire a casa, monitorando costantemente i loro progressi.
Gli atleti attraverso un app che scaricano direttamente sul proprio telefono o qualsiasi altro dispositivo, possono visualizzare l’allenamento da noi inviato con le immagini degli esercizi in grafica 3D, completi di inizio-fine esecuzione, mappa muscolare e video 3D.
Inoltre ci siamo attivati con degli allenamenti interattivi che vengono eseguiti dai nostri istruttori direttamente da casa con lo scopo di aiutare i nostri clienti a mantenere la salute del corpo e della mente.

CONDIVIDI