Tom Brady è leggenda e i Tampa Bay Buccaneers trionfano nel Super Bowl

37

I Tampa Bay Buccaneers, diciannove anni dopo aver vinto il primo Super Bowl della loro storia, fanno il bis battendo 31-9 i campioni in carica del Kansas City Chiefs.

A riportarli più in alto di tutti, nella 55a edizione del Super Bowl, ci ha pensato il leggendario quarterback quarantatreenne Tom Brady che, stravincendo la sfida con quello che in molti considerano il suo rivale, Chief Patrick Mahomes, ha messo insieme il suo settimo Super Bowl della storia facendo addirittura meglio dei New England Patriots e dei Pittsburgh Steelers che hanno trionfato sei volte a testa.

Al Raymond James Stadium di Tampa, sotto la direzione del primo arbitro donna a dirigere la sfida più importante dell’anno (Sarah Thomas), non c’è stata partita fin dalle prime battute tant’è che il primo quarto si è chiuso sul parziale di 7-3 con il touchdown di Gronkowski a mettere subito le cose in chiaro. Oltre al leggendario quarterback californiano, da sottolineare la grande prova dell’intero collettivo di Tampa guidato da Bruce Arians con Rob Gronkowski (autore di due touchdown), Antonio Brown e Leonard Fournette a giganteggiare lasciando le briciole ai favoritissimi Kansas City Chiefs che si son dovuti accontentare di appena tre calci piazzati di Harrison Butker.

Il Super Bowl è un evento mondiale e pur non appartenendo alla nostra cultura sportiva è un qualcosa che val la pena ricordare… Alla finale hanno assistito poco più di 20.000 spettatori… un piccolo segnale di un prossimo ritorno alla normalità…