esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
ezgif.com-animated-gif-maker (8)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

ezgif.com-animated-gif-maker (8)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Una combattiva Gioiese piegata al Granillo solo al 92'

2024-02-18 19:40

Maurizio Accordino

CALCIO, Serie D, calcio, serie d, Gioiese, LFA Reggio Calabria, Zanchi, Perri, Vasil,

Una combattiva Gioiese piegata al Granillo solo al 92'

I viola di Cozza (all’esordio) sfiorano il risultato di parità

lfa-reggio-calabria-vs-gioiese.jpeg

Non riesce la Gioiese di Ciccio Cozza, al debutto sulla panchina viola, ad interrompere la lunga striscia di sconfitte, ma va molto vicino a centrare un pari che, tutto sommato, avrebbe anche meritato.
La LFA Reggio Calabria ha giocato solo a sprazzi, fornendo una prestazione nettamente al di sotto delle proprie possibilità, mentre nella Gioiese, nonostante la prestazione positiva, si è avvertita l’assenza di un centravanti che possa concretizzare  la buona mole di lavoro svolta dal resto della squadra.
Mister Cozza in appena 5 giorni di lavoro non poteva fare miracoli, ma sicuramente è riuscito a mettere in campo  una buona squadra, capace di imbrigliare le folate amaranto, pressando a tutto campo e rendendosi pericolosa con delle veloci ripartenze che puntualmente però si arenavano negli ultimi 20 metri per l’assenza di un attaccante di peso in area.

 

La LFA Reggio Calabria, dopo un primo tempo abulico e chiuso giustamente a reti bianche, sbloccava la gara al 9’ della ripresa, grazie a una bella incornata del suo bomber, il giovanissimo Marcel Perri che, ben imbeccato in area sul secondo palo, insaccava di testa, siglando il suo sesto gol stagionale.
I padroni di casa di mister Trocini in più occasioni davano l’impressione di poter controllare la gara, e in qualche circostanza sfioravano il raddoppio. La Gioiese sembrava in debito d’ossigeno, e quando nessuno se lo aspettava, al 76’ perveniva al pareggio con una bella conclusione a giro dell’attaccante Vasil (un buon esterno d’attacco, oggi adattato a centravanti), ben servito con un lungo lancio verticale.
Mister Cozza subito dopo il gol  mandava in campo il giovane difensore gioiese Mandaglio e la gara sembrava trascinarsi sul risultato di parità, che sarebbe stato un buon viatico per la stagione dei viola, decisi a risalire la classifica in questo finale di stagione.
Al 2’ dei 5 minuti di recupero però, ci pensava Zanchi, in campo da poco più di 5’, a decidere il derby. Mungo crossava in area, Barillà di testa indirizzava la palla sempre sul secondo palo, e dalla stessa posizione dalla quale aveva prima insaccato Perri, andava a segno Zanchi che con una bordata imprendibile  decideva il derby in favore dei padroni di casa. Un’autentica doccia fredda per squadra e tifosi viola, che ormai pregustavano il prestigioso risultato di 1-1, ma così  non è stato.


A fine gara mister Cozza si è detto soddisfatto della  prova dei suoi, sottolineando che a gara in corso, ha perso 3 elementi per infortunio (mancava anche il portiere Tammaro, infortunatosi nella precedente gara contro la N. Igea Virtus). Naturalmente adesso la Gioiese dovrà  dare un’accelerata al proprio campionato a partire da domenica nel match casalingo contro l’Acireale per non vanificare l’impegno e gli sforzi sostenuti nelle ultime settimane dall’ammirevole società del presidente Filippo Martino.
A margine della gara va sottolineata la grande sportività e correttezza dei tanti tifosi gioiesi (erano circa 300 nel settore ospiti), che prima del match hanno intonato dei cori di sportività nei confronti della squadra amaranto, mentre l’unica nota “stonata” della giornata è stata la totale indifferenza riservata dalla Curva Sud a mister Ciccio Cozza, che per 9 anni (fra serie A e B) è stato una bandiera amaranto, con oltre 350 presenze ed oltre 70 gol siglati,  oltre alle stagioni da allenatore (ha guidato 8 anni fa la squadra reggina in D portandola al quarto posto, ai playoff, grazie ai quali è poi giunto il ripescaggio in serie C). Tale atteggiamento è stato sottolineato a fine gara dal trainer gioiese, visibilmente deluso. A nostro parere è più che giustificata la delusione di Cozza, che non è un ex qualunque, ma  lo riteniamo una bandiera amaranto che, tra l’altro, ha portato anche a lungo la fascia di capitano.
In definitiva è stata una buonissima Gioiese, che fa ben sperare per questo finale di stagione e che è stata apprezzata dai suoi tanti sostenitori. In evidenza tanti buoni elementi, come i difensori Oliveira e Montefusco e note positive anche dall’ultimo arrivato Elia (Attici è andato in tribuna) e dagli elementi più talentuosi come Poli, Vasil, Teliz e Titizian. 


LFA Reggio Calabria -  Gioiese 2-1


MARCATORI: 54’ Perri, 76’ Vasil, 92’ Zanchi.


LFA Reggio Calabria: Martinez (46’ Velcea), Parodi, Adejo, Cham, Martiner (85’ Lika), Mungo, Barillà, Perri (75’ Renelus), Porcino (85’ Zanchi), Provazza (70’ Zucco),  Bolzicco.


Gioiese: Lando, Faye (23’ Toscano), Chazarreta (64’ Gorshidian), Poli (77’ Mandaglio), Oliveira, Montefusco, Elia (64’ Guerrisi), Zamani (58’ Sanchez), Vasil, Teliz, Titizian.


NOTE: Angoli 9-3 per la Lfa Reggio Calabria, ammonito Parodi al 17’ e mister Cozza all’82’. Spettatori circa 3 mila con buona e rumorosa rappresentanza ospite.

lfa-reggio-calabria-vs-gioiese_01.jpeg