esagono nero.svg
rcsport-logo
rcsport-logo
search icon
animiertes-gif-von-online-umwandeln-de (3)

Il quotidiano online dello sport a Reggio Calabria e Provincia.

Associazione di promozione sociale Onlus EMITI.

Legale rappresentante Ornella Derna.
Direttore responsabile Rocco Calandruccio.

MAIN SPONSOR

animiertes-gif-von-online-umwandeln-de (3)
scarica-app-android-small-696x114

facebook
instagram
whatsapp
tiktok

2023 © RCsport.it - Tutti i diritti riservati. Associazione di promozione sociale Onlus EMITI. Reg. Trib. Palmi n° 1/18. Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria

Palmese – Isola Capo Rizzuto, per i neroverdi vincere e sperare

2024-04-20 09:30

Francesco Lacquaniti

CALCIO, Eccellenza, calcio, palmese, Isola Capo Rizzuto,

Palmese – Isola Capo Rizzuto, per i neroverdi vincere e sperare

Un unico grido: “...onorare, andando anche oltre i propri limiti, la gloriosa maglia neroverde per salvare l’Eccellenza… ”

palmese---scalea-140424_76.jpeg

Gli incroci tra Palmese e Isola Capo Rizzuto (eccezion fatta per quelli relativi ai campionati regionali e a una finale di Coppa Italia Dilettanti Calabria che premiò i crotonesi, il 9-8 dopo i calci di rigore seppe di beffa per l’undici di Marco Colle) contano un precedente in Serie D (stagione 2017-18) che alle pendici del monte Sant’Elia vide imporsi i neroverdi di Alessandro Pellicori col minimo scarto. 

 

La sfida contro l’Isola Capo Rizzuto in programma a Palmi domenica 21 aprile 2024, valevole per la ventinovesima giornata del campionato di Eccellenza (arbitrerà Salvatore Gallella di Catanzaro), sarà sfida che la Palmese dovrà vincere anche se si troverà di fronte una compagine dal buon rendimento in trasferta (ha raccolto gli stessi punti del Soriano attualmente terzo) la cui posizione di classifica le impone di non abbassare la guardia. 

 

Aggiungere altro servirebbe a poco ma (a rimarcarlo sono i passionali tifosi neroverdi sempre e comunque presenti), nelle ultime due giornate e nel sempre più probabile play out con sullo sfondo lo spauracchio spareggio, si chiede a gran voce che… “tutti coloro che scenderanno in campo e chi li guida facciano loro un obbligo: onorare, andando anche oltre i propri limiti, la gloriosa maglia neroverde che si portano addosso per salvare l’Eccellenza… ”. Una maglia che si è da sempre distinta per i tanti calciatori e allenatori di grido che l’hanno avuta in dote nel corso della sua gloriosa storia come l’ex allenatore chioggiota Sergio Ballarin (soprannominato “lossi”, era cugino dei fratelli del Grande Torino Aldo e Dino Ballarin) che dopo aver giocato col Clodia (oggi Union Clodiende Chioggia Sottomarina appena promossa in Serie C dopo 47 anni) alla pari di Aldo e Dino, guidò negli anni ‘70 l’allora Palmi.