ESCLUSIVA intervista al presidente del Reggio F.C. Antonio Girella

1104

Prosegue la rubrica RC Sport dedicata alle interviste dei protagonisti dello sport della provincia. Abbiamo oggi incontrato Antonio Girella, presidente della Reggio F.C., società che milita nel campionato C2 di Futsal nonchè aggiudicatario della struttura del Sant’Agata, ed è proprio da qui che abbiamo iniziato l’intervista.

Presidente, qualche mese fa la sua società ha ottenuto la gestione del Centro Sportivo Sant’Agata. A che punto sono le trattative con la Reggina per un eventuale loro utilizzo?

Intanto stiamo lavorando notevolmente sulla struttura. Dal punto di vista sportivo abbiamo chiuso una ottima collaborazione con la scuola calcio Mirabella. Avendo noi un contratto di un anno, non potevamo progettare una scuola calcio autonoma perché dobbiamo dare continuità; qualora noi non dovessimo rimanere qua all’interno della struttura, abbiamo deciso di fare questa partnership con la Mirabella, che è già partita veramente bene sia come qualità che come numero di iscritti.

Ci sono altre società locali che hanno chiesto di poter svolgere attività sui campo del Sant’Agata?

Ci sono tantissime richieste, che stiamo vagliando. Entro i primi di settembre dovremmo comunque avere un quadro chiaro dell’attività sportiva che intenderemo svolgere durante tutto l’anno nell’impianto del Sant’Agata. E’ tutto identificato con il marchio Reggina: non ci si limita alla prima squadra, ma il cuore pulsante del Sant’Agata è dato da tutte le varie forme in cui il calcio si manifesta. Tutti sanno che abbiamo una squadra di calcio a 5, anche se il calcio non è quello che ci identifica, ma abbiamo dovuto e abbiamo avuto il piacere di identificarlo con il marchio e con il nome, ma tutto questo si svolge all’esterno del Sant’Agata. Dobbiamo comunque tenere presente che ci sono tante società che fanno tutto ciò che è attinente al calcio, come il Beach Soccer, il Calcio a 5, il calcio femminile. Stiamo tra l’altro realizzando un vero e proprio club, tipo il circolo Polimeni, un ambiente sano dove si possa discutere e stare insieme anche agli stessi tifosi.

In qualità di Presidente del Reggio Football Club a 5, avete già iniziato l’attività?

Si, certo. Abbiamo iniziato la preparazione al Sant’Agata in vista dell’esordio in Coppa Italia, poi però fatta slittare dal Comitato. Abbiamo giocato delle amichevoli.

Al momento quali sono le operazioni in entrata che sono ufficialmente chiuse?

Oltre all’acquisto di Daniele Rappocciolo che nella scorsa stagione ha portato con i suoi gol il Locri in C1, abbiamo preso 3/4 elementi importanti tipo Crisalli, Chirico ed altri ancora, perché la nostra società punta a vincere il campionato e per questo motivo ci siamo rinforzati ulteriormente.

Quali squadre temete?
La Ludos è sicuramente tra le Società più forti: lavora molto bene perché è una Polisportiva con tanti associati e dirigenti in gamba, non sono però da meno il Catanzaro ed il Soverato.

redazione@rcsport.it

 

 

 

 

 

CONDIVIDI