1967, quando Gianni Brera coniò l’appellativo “derby d’Italia”

71

La stagione 1966-67 in casa bauscia fu segnata dal definitivo tramonto della Grande Inter di Helenio Herrera. Un tramonto verticale visto che, vicinissima a centrare per la seconda volta nel volgere di appena due anni l’accoppiata (Coppa dei Campioni/Scudetto), crollò sul più bello e, dopo aver perso la finale della Coppa dei Campioni contro i sorprendenti scozzesi del Celtic, che con Gemmell e Chalmers ribaltarono l’iniziale vantaggio di Mazzola su calcio di rigore, una clamorosa papera di Sarti, nell’ultima partita di campionato contro il tranquillissimo Mantova, le costò anche lo Scudetto che andò alla Juventus (vittoriosa contro la Lazio) dopo un sorpasso beffa. I bianconeri, alla vigila dell’ultima curva, erano, infatti, secondi con 47 punti, uno in meno dell’Inter che, in attesa di sfidare i virgiliani di Giancarlo Cadé, aveva sempre visto tutti dall’alto verso il basso. Per i torinesi di Heriberto Herrera fu lo Scudetto numero 13 contro i 10 dell’Inter, che pochi giorni dopo vide sfumare anche la finale di Coppa Italia (a eliminarla fu il Padova di Nereo Rocco), e i 9 del Genoa mentre il Milan era fermo a 8.

In quel 1967, che accentuò ancor di più l’acredine tra l’Inter e la Juventus (due anni prima i bianconeri vinsero anche la Coppa Italia battendo in finale proprio l’Inter), il maestro del giornalismo italiano, Gianni Brera, coniò per quella che era e diverrà la sfida delle sfide l’appellativo più calzante… “derby d’Italia”. Appellativo volto a indicare l’accesa e mai sopita rivalità tra le due squadre (all’epoca le più titolate in Italia) il cui punto di non ritorno ebbe una data ben precisa… la domenica del 16 aprile 1961 quando l’Inter, dopo essersi imposta in casa della Juventus a tavolino, alla vigilia dell’ultima giornata di campionato (quella dell’ormai famoso “clamoroso al Cibali”…), si vide incredibilmente annullare dalla Commissione d’Appello Federale una legittima vittoria che le avrebbe potuto consegnare lo Scudetto che, invece, fu vinto dai bianconeri.

Domenica 24 ottobre 2021 (9a giornata del campionato di Serie A) al Giuseppe Meazza andrà in scena l’edizione numero 242 di una sfida che si porta in dote quell’appellativo che solo il geniale intuito letterario di Gianni Brera (tifoso interista che simpatizzava per il Genoa da lui stesso definito “vecchio balordo”) poteva cucirle.

CONDIVIDI