Cresce l’attesa per il Consiglio Federale della Figc

101

Un giorno ancora e le 36 squadre indiziate di retrocedere dalla Serie D conosceranno il proprio destino. E’, infatti, programmato per lunedì 8 giugno il Consiglio Federale della Figc che, tra i tanti altri nodi da sciogliere, dovrà anche ratificare, o meno, quanto proposto dal Consiglio Direttivo della Lnd venerdì 22 maggio.

Il novero delle 36 squadre in odore di retrocessione comprende: Ligorna, Verbania, Vado (che ha preso parte a 4 campionati dell’attuale Serie B vincendo la prima edizione della Coppa Italia nel 1922), Fezzanese, Inveruno, Dro Alto Garda, Milano City, Levico Terme, Villafranca Veronese, San Luigi, Tamai, Vigasio, Savignanese, Alfonsine, Ciliverghe, una tra Crema (che ha preso parte a 4 campionati dell’attuale Serie B) o Sammaurese, Tuttocuoio, Ponsacco, Bastia, Pomezia, Jesina, Chieti, Avezzano, Sangiustese, Budoni, Ladispoli, Pro Calcio Tor Sapienza, Città di Anagni, Agropoli, Francavilla, Nardò, Grumentum Val d’Agri, Palmese, San Tommaso, Marsala e Corigliano.

31 di esse, tra le quali: Palmese, San Tommaso, Marsala e Corigliano, hanno aderito al gruppo “Serie D Salviamoci” promosso dal presidente della Grumentum Val d’Agri Antonio Petraglia. L’intento è quello di bloccare le retrocessioni, aumentando il numero dei gironi del campionato Serie D per posticipare, si spera, alla stagione 2021-22, l’improcrastinabile riforma del format dei campionati, pena una serie di azioni giudiziarie al fine di tutelare i diritti sportivi e patrimoniali palesemente violati. Verbania, Tuttocuoio, Pomezia e Francavilla (nell’attesa di sapere chi tra Crema e Sammaurese potrebbe essere retrocessa) non hanno, invece, aderito accettando, pur con rammarico, le proposte avanzate dalla Lnd.

La speranza è che si prenda una decisione saggia senza decidere a tavolino ciò che sul campo non era affatto deciso. Prendendo come esempio la stessa Palmese, ultima tra le ultime con appena 12 punti e protagonista, in negativo, di uno dei peggiori campionati della sua storia, nella migliore delle ipotesi si sarebbe potuta ancora salvare senza play out. Basta questo esempio per capire che la proposta avanzata dalla Lnd andrebbe rigettata.