Esclusiva Stefano Casale: “Il mio goal a Crotone? Ci diede convinzione di essere forti”

119

In esclusiva ai nostri microfoni, Stefano Casale, ex centrocampista della Reggina, il quale firmò l’ultimo successo degli amaranto sul campo del Crotone, risalente venti anni fa.

Ciao Stefano, la Reggina vinse l’ultima volta a Crotone grazie ad un tuo goal, l’unico con la maglia amaranto ma decisivo. A distanza di venti anni cosa provi di quella tua straordinaria prodezza?
Quella partita ci diede la convinzione di essere forti e di poter andare in Serie A come poi avvenne. Fu una vittoria meritata, vincemmo in rimonta ma dominammo letteralmente. Il Crotone fece goal in maniera casuale, noi invece attaccammo per tutta la gara, tanto che riuscimmo a ribaltarla nei minuti finali. Avevamo un potenziale offensivo straordinario, basti pensare a Dionigi, Savoldi, Bogdani, Leon, insomma eravamo superiori. Il mio goal non fu nemmeno semplice perché in quel momento quando Leon mi diede il pallone mi trovavo spalle alla porta, ma riuscì a fare il movimento giusto per fare goal. E’ stata la vittoria più sofferta ma la più bella per come l’abbiamo costruita. Il fatto che sono stato il marcatore ad aver deciso l’ultimo successo della Reggina a Crotone non mi fa piacere, perché significa che in questi venti anni nessuno ha consentito alla Reggina di vincere allo Scida (sorride). Anche a Lecce, sono stato l’ultimo ad aver deciso la vittoria del Lecce a San Siro con il Milan, sono passati più di venti anni. Speriamo che la Reggina torni sabato a vincere questo derby.

Parlando del presente come ti sembra questa Reggina?
E’ una buona squadra che può fare bene ed essere protagonista, conterà molto la forza caratteriale di questi ragazzi. La Serie B di oggi , magari ha meno qualità rispetto al passato ma rimane un campionato duro e difficile, dove non è sufficiente avere una rosa di grandi nomi se poi non si calano con la giusta mentalità. Ribadisco sarà importante essere organizzati e forti sotto l’aspetto caratteriale. La Reggina può tranquillamente dire la sua in zona play off.