Serie A 33a giornata: Inter trionfo vicinissimo, Atalanta incontenibile

23

La 14a giornata del girone di ritorno non può che mettere in primissima pagina l’Inter che, dopo aver battuto l’Hellas Verona (rete di Darmian al minuto 76 e rete numero 10 in carriera per il difensore legnanese), è ormai vicinissima al tricolore. Per gli scaligeri, alla loro uscita numero 37 in campionato in terra milanese, il campo dei meneghini si conferma ostico. Mai, infatti, sono riusciti a vincere collezionando addirittura un clamoroso 9-0 nel marzo del 1929 contro l’allora Ambrosiana di Joszef Viola.

Molto accesa la lotta per la Nobil Europa che vede coinvolte cinque squadre (Atalanta, Napoli, Juventus, Milan e Lazio) per tre posti. Atalanta che, dopo il 5-0 al Bologna rimasto in dieci dal minuto 49 per l’espulsione di Schouten, balza al secondo posto aumentando ancor di più lo score delle reti segnate, ben 78; con Napoli (0-2 in casa del Torino firmato Bakayoko Osimhen e granata a chiudere in dieci per l’espulsione di Mandragora nel finale), Juventus (1-1 a Firenze con un delizioso sinistro di Morata a riacciuffare i gigliati portatisi in vantaggio con un calcio di rigore di Vlahovic) e Milan (3-0 all’Olimpico contro la Lazio, trascinata dalla doppietta di Correa, che accorcia sulla Juventus e sullo stesso Milan) a seguire appaiate a 66 punti ma con i rossoneri che, in virtù della classifica avulsa, scivolano addirittura al quinto posto dall’acre sapore di Europa League.

Seconda sconfitta nelle ultime tre uscite per la Roma (attesa dalla gara d’andata all’Old Trafford contro il Manchester United valevole per le semifinali di Europa League) che cade alla Sardegna Arena al cospetto di un gran bel Cagliari (vittorioso 3-2 con Joao Pedro a porre il sigillo finale rendendo vana la rete di Fazio al minuto 69) rientrato autorevolmente in lotta per una permanenza in Serie A che sembrava quasi svanita.

Questi gli altri risultati a completare il quadro: Genoa – Spezia 2-0; Parma – Crotone 3-4 (con Simy, la cui doppietta lo fa salire a 19 reti, che regala ai calabresi la prima vittoria esterna anche se la retrocessione per crotonesi e parmensi è ormai dietro l’angolo); Sassuolo – Sampdoria 1-0 (rete di Berardi al minuto 69 e modenesi che vedono avvicinarsi la zona Europa Conference League); Benevento – Udinese 2-4 con gli stregoni risucchiati nella bagarre salvezza.