Cittanova non solo prima squadra ma anche settore giovanile

248

E’ tempo di bilanci in casa Cittanova Calcio. A una giornata dalla conclusione del massimo torneo nazionale di Serie D la compagine del presidente Rocco Guerrisi è stata una piacevole sorpresa. Partita con propositi di una tranquilla permanenza è riuscita ad imporre il proprio gioco con una notevole disinvoltura al cospetto anche di organici di un notevole spessore come Cavese, Lamezia, Gelbison, Acireale e tante altre.

Un mix di esperienza e gioventù la rosa guidata dal trainer Francesco Di Gaetano che si è fatta notare anche in Coppa Italia sino al raggiungimento dei quarti di finale al cospetto di un Audace Cerignola che ha avuto la meglio solamente nelle battute finali. E se il campo ha dato i suoi frutti non da meno il lavoro dietro le quinte della società pianigiana, un lavoro spesso sottovalutato o disconosciuto, ma di grande responsabilità. Un successo non è solamente composto dagli uomini di copertina come calciatori, allenatore e presidente ma anche da persone che agiscono lontano dai riflettori e che svolgono un lavoro importantissimo: lo staff tecnico. A partire dal vice di Francesco Di Gaetano, Vincenzo Porretto meticoloso nell’analisi tecnico-tattica ad Antonio La Serra con il compito di allenare i portieri, lavoro svolto egregiamente viste le prestazioni in campo, la brillante condizione fisica e la freschezza dei giocatori è merito, invece, dei metodi innovativi di Vincenzo Chinè, sino al lavoro dettagliato dei fisioterapisti Antonio Andreacchio, Stefano Liberti, e il medico sociale Fulvio Furci. Un lavoro in completa sinergia ben coadiuvato dal meticoloso direttore sportivo Francesco Deni, che ha trasmesso quella tranquillità all’ambiente di lavorare con armonia e serenità.

Ma si sa nel calcio nei progetti sportivi vi sono anche persone all’apparenza invisibili ma che lavorano a 360 gradi nell’arco della stagione; oltre al già citato presidente Rocco Guerrisi impossibile non menzionare la programmazione del vicepresidente Tonino Mamone, degli amministratori Arcangelo e Jimmy Guerrisi , dei consiglieri Nico Catanese, Rocco Giofrè e Salvatore Berlingeri, il team manager Giuseppe Napoli, il dirigente accompagnatore Pasquale Cananzi e i magazzinieri Andrea Giovinazzo e Domenico Mammoliti.

A mani basse e in silenzio certosino anche l’aerea comunicazione composta dal responsabile social manager Daniele D’Anna, dall’addetto stampa Agostino Raso, i content manager Antonio e Enzo Galluccio e il supporto di Radio Eco Sud, radio ufficiale con la preziosa collaborazione degli speaker Pasquale De Pietro e Guido Contestabile.

Oggi tutto questo stesso spazio appartiene al Cittanova Calcio, una società che vive il calcio come uno sport, ma anche come un ambiente di mercato competitivo, come un multiverso in cui è possibile fare risultati e fare business pur partendo da un contesto di dimensioni ridotte. Questo approccio ha dato e sta dando i suoi frutti anche a livello giovanile, con la fattiva collaborazione del responsabile sel settore giovanile Girolamo Sorrenti. Bilancio più che positivo anche per le formazioni Under 19 nazionale guidata da Angelo Milano con la passionale collaborazione di Matteo Raso e Domenico Anselmo. Un’annata che ha visto la crescita esponenziale dei giovani cittanovesi ben figurando contro compagini esperte raccogliendo elogi più che gratificanti. A testimoniare tutto ciò anche alcune convocazioni in prima squadra che possono far ben sperare per il futuro.

Discorso analogo per Allievi Under 17 e giovanissimi Under 15 guidati dai tecnici Sarino D’Agostino e Alessandro Giordano con il supporto del segretario generale “tutto fare” Edoardo Proto. L’ Under 17 si giocherà la vittoria del campionato provinciale nello spareggio contro il Taurianova Academy dopo un duello a distanza culminato con la posizione a pari merito, mentre l’Under 15 ha vinto il proprio girone con una giornata di anticipo.

Un’annata da incorniciare quindi colmata anche dai risultati prestigiosi della scuola calcio, fiore all’occhiello del team pianigiano. Una programmazione dettagliata su cui continuare a gettare le basi per il futuro non stravolgendo l’intelaiatura ma bensì rafforzando per continuare ad essere presenti con competitività nel mondo del calcio.

CONDIVIDI