Gallico Catona, a Isola per rompere il digiuno esterno

70

Il Gallico Catona a Isola deve rompere il digiuno esterno, questa è la preoccupazione dei dirigenti della squadra. I 16 punti conquistati in 14 gare non danno tranquillità, la media salvezza è sui 38, quindi, c’è molto da fare nel girone discendente. Il giovane mister “Giando” Condello  deve trovare la “quadra”, i migliori senza ombra di dubbio in didascalica successione sono il portiere  Fabrizio Pratticò, i difensori Peppe Marcianò e Calarco, il “fuori quota” centrocampista Michele Bellè e l’esterno bagnaroto Carmelo Moio fra l’altro cannoniere con 3 reti insieme all’altro under Ciccio Violante.

Molte le partenze, Heiz non è prolifico sotto rete, un gol in sette gare anche se poco rifornito. E’ arrivato l’attaccante Rotundo, ex Luzzi.

Con l’ultima gara del 2019 si chiude il girone d’andata a Isola Capo Rizzuto. Il Gallico Catona è consapevole delle proprie forze, si deve impinguare la graduatoria. Lo sa bene mister “Giando” Condello, racimolare più punti possibili per virare al meglio al giro di boa. Compagine ulteriormente rinforzata dalla campagna di rafforzamento nella sessione invernale, oltre a Heiz e Demba, sono arrivati il centrocampista spagnolo Herrada, il difensore iberico Garcia Minoz e la prima punta Rotundo. Entro lunedì movimenti solo in entrata. Un altro portiere, un centrocampista e due esterni.

A Isola si ri-proporrà il 4-3-1-2? Squadra corta, equilibrata a metà campo pronta a ripartire velocemente in contropiede. In difesa evitare sbavature. Gioia e Herrada possono coesitere? Isola che domenica scorsa ha vinto in trasferta a Cotronei.

Fuori casa un solo punto racimolato, 0 a 0 contro la Reggiomed, cinque sconfitte, nove reti subite, uno solo realizzato.

Ricapitoliamo il mercato di riparazione. Arrivi: il difensore Garcia Minoz, i centrocampisti Herrrada e Demba,l’attaccante Heiz. Uscite: i difensori Gianni Marcianò e Digiacomtamtonio, i centrocampisti Franco, Scopelliti, Totò Cormaci e Peppe Ferrato.