Gallico Catona in zona play out, le cause di una “crisi” inaspettata

148

Gallico Catona in zona play out, chi lo avrebbe mai immaginato! Le cause di una “crisi” di risultati (quattro sconfitte in otto incontri) e forse di personalità di una compagine allestita per degli obiettivi ambiziosi (un posto play off) o anche per l’obiettivo minimo di una tranquilla salvezza.

Ben nove arrivi e di qualità per un organico che sta stentando per una cronicità offensiva (non c’è il bomber a doppia cifra), i tanti infortuni, la “dea bendata” più volte gli ha girato le spalle. Un investimento economico, sino al momento, non direttamente proporzionato al risultato. Ma c’è tutto il tempo per invertire il trend, riuscendo a capire dove intervenire (anche sulle motivazioni degli atleti), recuperando al meglio gli infortunati, gestendo al meglio gli uomini adisposizione.

Certo si crea tanto, lo abbiamo detto più volte, ma si raccoglie poco o nulla e le giornate scorrono e le paure e le tensioni avanzano. Mister Peppe Giovinazzo sicuramente sarà capace di trovare insieme alla società le “dritte” giuste per uscire da quest’imbuto che si sta facendo sempre più arroventato. I calciatori, i principali protagonisti, devono dare il meglio, più tonici fisicamente, meno sprovveduti nei comportamenti, con la “rosa” a pieno regime, siamo convinti, che il Gallico Catona uscirà dal limbo dell’anonimato.

Bisogna essere schietti, senza infingimenti, fare “quadrato” intorno alla “ beneamata” che con i risultati positivi i tifosi ritorneranno numerosi ad assiepare le gradinate del Lo Presti. Le prossime due gare saranno determinanti per gli obiettivi futuri della compagine del presidente Nino Polito. Contro due pericolati: domenica in casa contro l’Isola Capo Rizzuto in netta ripresa con il neo tecnico Parentela e poi in trasferta a Bocale.