Gallico Catona ko esterno, domenica derby casalingo col Bocale

77

Due episodi negativi a Lamezia, non inganni il risultato, rigore molto discutibile assegnato con troppa magnanimità alla Vigor Lamezia e posizione irregolare di Angotti nella seconda segnatura, ma tant’è il 3 a 0 è inequivocabile, nonostante la buona prestazione e essere anche per questa domenica fuori dai play out.

All’unisono a fine gara Peppe Misiti e Natale Gatto: “Siamo usciti fra gli applausi dell’esigente e esperto pubblico lametino, non ci capacitiamo però di alcune designazioni arbitrali!“.

E adesso? C’è da proseguire con più forza e determinazione verso l’obiettivo salvezza.

Migliorandosi e confermando alcuni dati inconfutabili. Può essere l’uomo della provvidenza l’attaccante Sabatino nelle ultime sei gare? Herrada è fantasia e estro, la difesa è insuperabile, Gioia, Bellè e Violante a metà campo si fanno valere in fase propositiva che di interdizione. Gracia Munoz molto abile come laterale, bene anche l’esterno Garcia. Compagine corta, intensa sul piano del ritmo, 4-3-3 il modulo adatto alle caratteristiche dei singoli, si deve continuare così in queste ultime nove sfide. Mister Condello confida nell’estro e sulle “palle inattive” dello spagnolo Herrada, sulle dinamicità dell’esterno goleador Moio, sulla concretezza dell’attaccante Sabatino, sulla duttilità di Michele Bellè, sulle capacità balistiche di Ciccio Violante, su una esperta difesa.

La soglia salvezza è sui 34/35 punti, ci vuole continuità di rendimento, evitare cali di tensione e concentrazione, fase delicatissima della stagione. Mister “Giando” Condello tiene unito il gruppo, i nuovi stanno rispondendo alle sollecitazioni, l’ambiente è sereno, il “miracolo” salvezza può essere concretizzato.

E domenica sfida derby interna della decima di ritorno contro i cugini del Bocale. All’andata ebbe la meglio la formazione del vulcanico Pippo La Face. Il Gallico Catona vuole confermarsi fra le “pareti domestiche”, il Bocale non vuole correre rischi, ha tre punti in più in graduatoria, non vuole essere invischiato nella griglia play out. A difendere i pali del team dei fratelli Cogliandro c’è l’ex Parisi.