Gioiosa, Logozzo: bilancio e aspettative di inizio anno

201

Il Gioiosa è tra le vere scoperte del campionato di Eccellenza, che vede la squadra jonica, matricola del torneo, navigare nelle zone alte della classifica. Merito delle scelte fatte dalla società ad inizio stagione, con l’obiettivo di garantirsi una salvezza tranquilla, e che certamente, superato lo stop del campionato causato dalla pandemia, condurranno a risultati positivi. Il direttore sportivo Rocco Logozzo fa un bilancio di questo primo scorcio di campionato del Gioiosa.

Siamo certamente soddisfatti dei risultati sin qui conseguiti – afferma – e, considerando che siamo dei debuttanti in questo torneo, oserei dire che, assieme al Soriano, siamo la vera sorpresa di questo campionato“.

In relazione allo stop causato dalla veloce avanzata del Covid, “lo ritengo fortemente necessario vista la grave situazione pandemica – afferma Logozzo –. Noi, come US Gioiosa, saremo rispettosi dei diversi Decreti governativi, al fine di poter portare a termine, salvaguardando la salute pubblica, i diversi tornei in corso“.

E quanto agli obiettivi a medio/lungo termine della squadra? “Mantenere la categoria e la valorizzazione dei tantissimi talentuosi giovani che compongono il nostro organico. Un altro obiettivo, sicuramente importante e auspicato da chi vuole bene a questa Società, è rivedere giocare, dopo lunghissimi anni, la nostra squadra sul campo di Gioiosa“.

Quale innovazione porterebbe per migliorare il calcio dilettantistico? “Moltissimi stranieri sono presenti nei nostri diversi campionati. Non è un tornare indietro nel tempo, e mi rendo anche conto delle leggi che regolano la circolazione dei lavoratori comunitari, ma fissare un numero massimo di tesserati per squadra potrebbe aiutare di molto la crescita dei nostri giovani. Non credo abbia molto senso obbligare le società a far giocare i classe 2003, 2004 ecc. e poi questi giocatori li andiamo a prendere all’estero. Forse il tutto andrebbe meglio regolamentato“.

CONDIVIDI