Il punto sul campionato di Eccellenza

107
Foto tratta dalla pagina facebook dell'Asd Reggiomediterranea 1986

Il fatto saliente della dodicesima giornata di Eccellenza è l’allungo, in vetta alla classifica, della Gioiese, che si sbarazza agevolmente del malcapitato GallicoCatona e vola a +5 sulla Reggiomed che, a sorpresa, pareggia in casa col Rende.

La capolista ha dovuto attendere quasi 40’ per sbloccare il match, visto che il neotecnico reggino Panarello aveva provato a ingabbiare gli avanti viola. Ci ha pensato il funambolo Condemi a procurarsi un penalty, dopo aver seminato come birilli i difensori ospiti. Dal dischetto Catania si faceva respingere il tiro, ribattendo prontamente in rete. Da quel momento i viola dilagavano e la gara non aveva più storia.

Nell’anticipo di sabato, come detto, inattesa frenata della Reggiomed che, dopo essere passata col gigante Takyi, veniva raggiunta su rigore al 94’, concesso per un netto fallo di mano di un difensore sull’ultimo corner del match.

In terza posizione si mantiene lo Scalea, vittorioso di misura sul Soriano, mentre in quarta posizione da sola rimane l’Isola Capo Rizzuto, vittoriosa a suon di gol con lo StiloMonasterace (secondo ko di fila per l’undici di Caridi). La squadra di Maiolo ha il miglior attacco del torneo e viaggia a una media di oltre due reti a partita. Dopo un primo tempo scoppiettante finito 2-2, nella ripresa i gol decisivi di Dolce e Leto. A segno anche il bomber Russo su rigore, all’ottavo centro stagionale, e leader della classifica marcatori.

Nulla di fatto tra Brancaleone e Promosport, con Galletta e soci sempre imbattuti tra le mura amiche, mentre preziosa è stata l’affermazione esterna del Gioiosa, passato per 3-1 sul campo del modesto Acri, raggiunto all’ultimo posto dal Sersale, che conquista il primo importante punto della gestione Gabriele, imponendo il pari sul campo dei terribili giovanotti della Morrone (2-2), nonostante alla vigilia della gara la società abbia interrotto il rapporto con i calciatori Cristaudo, Tutino Verso e Messina. Per la Morrone quinto pareggio consecutivo e sesto posto in compagnia del Brancaleone, a 3 punti dalla zona playoff.

Infine, pericoloso scivolone interno per il Bocale (terzo ko interno), battuto per 1-0 dalla Paolana, che l’ha scavalcato in classifica. L’undici di Laface adesso è terz’ultimo con un solo punto di margine sulle ultime Acri e Sersale, a ben 5 punti dalla zona salvezza.

Dopodomani, intanto, si apre il mercato di dicembre, che resterà aperto fino a giorno 23. Molte società sono pronte a tesserare i nuovi acquisti per inforzarsi, e gli stessi potranno già scendere in campo domenica prossima in occasione della tredicesima e terz’ultima giornata di andata.

Il match di cartello sarà senz’altro quello del “Riga” di Lamezia dove si affronteranno Promosport e Scalea, due favorite al salto di categoria, al momento attardate dalla vetta. Sarà un’occasione per provare ad  accorciare il gap dalla Gioiese, che giocherà a Bocale nella prima di 2 trasferte consecutive. Molto interessante anche il confronto di Roccella dove si troveranno di fronte Gioiosa e Reggiomed, mentre a Sersale il Brancaleone proverà a strappare un prezioso risultato positivo. Promette spettacolo, per la lotta playoff, StiloMonasterace-Morrone mentre difficile sarà la trasferta del GallicoCatona, impegnato nell’anticipo di sabato sul campo del Soriano. Chiudono il programma Paolana-Acri e Rende- Isola Capo Rizzuto.