Palmese, modello di integrazione e un futuro di grandi progetti

397

In questo mini torneo del campionato di Eccellenza, tra le otto formazioni partecipanti figura anche la Palmese, che ieri è uscita sconfitta di misura tra le mura amiche dalla sfida contro la corazzata Locri. Una Palmese totalmente rinnovata dal mercato, intenzionata a non voler ricoprire il ruolo di comparsa in questa competizione. Palmi vanta una gloriosa tradizione calcistica, rappresentata da grandi personaggi e risultati straordinari. La pandemia ha lasciato il segno anche nella cittadina pianigiana, soprattutto a livello economico, ma la società guidata dal presidente Rocco Simone è riuscita a far fronte con grande forza e coraggio.

Il calcio a Palmi si vuole rilanciare nel migliore dei modi, infatti come ha dichiarato nel post gara il massimo dirigente nero verde, questo minitorneo servirà soprattutto a pianificare la prossima stagione che dovrà vedere la Palmese protagonista. Tra i valori presenti in questa società, c’è quello legato all’integrazione, come dimostra la massiccia presenza di giocatori africani presenti nella rosa a disposizione di mister Germano. Questi ragazzi venuti da lontano e falcidiati da tante difficoltà che tutti conosciamo, tentano attraverso il calcio a costruirsi un futuro migliore e allo stesso la possibilità di potersi riscattare socialmente.

La Palmese e Palmi, sono anche questo, una comunità legata a dei valori umani e morali non molto diffusi ai tempi d’oggi. Calcio e solidarietà, un vero mix per sconfiggere il razzismo, facendoci capire che siamo tutti figli di questa Terra. A prescindere da come si concluderà la stagione della Palmese, il futuro lascia ben sperare. L’unione e la passione dei palmesi, presto riporterà i neroverdi ai livelli che gli competono, in modo da poter scrivere ancora importanti pagine di storia.

CONDIVIDI