Palmese, una Stilese rigorosa le impone il primo stop stagionale

230

Dopo l’eliminazione in coppa per mano del Soriano e il -1 inflittole in classifica, che l’avevano fatta scivolare al terzo posto, la Palmese (scesa in campo con… Caputo, Zito, Mendes, Camara, Pititto, N’Dione, Barrese, Kebe, Okoye, Dieme, Gueye) fa un ulteriore passo indietro cedendo l’intera posta alla Stilese che, dopo aver rimontato lo svantaggio (rete di Camara) con un calcio di rigore del prolifico attaccante argentino Martinez e con Papaleo, subito il 2-2 (rete di Kebe), ha definitivamente chiuso i giochi poco oltre la mezz’ora della ripresa ancora con Martinez lesto nel ribadire in fondo al sacco il secondo tiro dal dischetto concesso ai suoi dopo che Caputo ci aveva messo una pezza. Ospiti che, comunque, hanno avuto l’innegabile vantaggio di giocare in superiorità numerica viste le espulsioni di Gueye, sul finire della prima frazione di gioco, e di Camara al minuto 80. Peggiore in campo, duole dirlo, l’arbitro Cacurri di Reggio Calabria che, assieme ai collaboratori di linea, non ha certamente brillato negli episodi cruciali che hanno fatto pendere il risultato in favore dell’undici di Panarello che si gode, così, la seconda piazza, assieme a Scalea (0-4 al Cotronei) e Reggiomediterranea (1-1 con la Morrone) con il Locri (0-1 al Sersale) a comandare a punteggio pieno.

Domenica prossima (18 ottobre) per la Palmese sarà in programma la trasferta più insidiosa della stagione. Si andrà, infatti, a far visita alla forte Vigor Lamezia di Massimo Morgia. Nel glorioso passato che li ha contraddistinti, biancoverdi e neroverdi hanno dato vita a molte sfide dagli elevati contenuti tecnici in tornei ben più blasonati dell’Eccellenza come le due giocatesi nel campionato di Interregionale 1986-87 quando a guidarle in panchina c’erano l’attuale allenatore della Sampdoria, Claudio Ranieri, che fece spiccare ai lametini il salto in Serie C2, e l’uruguagio Washington Cacciavillani, detto “el chico”, che, alle pendici del monte Sant’Elia, riuscì a centrare la salvezza nonostante le tante tribolazioni patite nell’arco dell’intera stagione.