Prima vittoria per il Soriano di Parentela, battuto lo Scalea

90

Trova la sua prima gioia il Soriano e lo fa in maniera maschia, decisa e determinata. La classifica, per la compagine rossoblù, contava marginalmente e, più che altro, era la straripante voglia di riscatto e di orgoglio che voleva uscire a tutti i costi. Per gli ospiti invece, con gli ex di turno Gregorace, Curcio e Angotti, i tre punti erano preziosissimi soprattutto per continuare a cullare quel posto in classifica che garantirebbe il playoff in casa.

Neanche il tempo di sistemarsi nelle gradinate che i padroni di casa (orfani di assenze importanti come quelle di Dezai, Ienco, Macrì, Bellia e Cristiano) passano subito in vantaggio. Il cronometro infatti segnava quaranta secondi quando Figliomeni, all’interno dell’area di rigore, libera un diagonale che batte l’estremo difensore Ramunno. L’illusione del vantaggio però dura poco, anche perché è Richella a sgretolarla a distanza di sei minuti grazie ad una conclusione dopo una mischia in area di rigore vibonese. Il match, dunque, ha fin da subito ritmi elevati e, tra il 21′ e il 28′, sono ancora i ragazzi di Parentela a sfiorare il nuovo vantaggio prima con Mangano (tiro fuori di un nulla) e poi con Tozzo, il quale manda di poco alto il pallone ben servito da Santaguida.

La prima frazione si chiude in equilibrio ma è al quarto d’ora della ripresa che sempre Tozzo (rientrato dopo il lungo stop e senza avere i novanta minuti nelle gambe) capitalizza al meglio la splendida progressione di Greco sulla destra e il conseguente cross basso in area piccola, dopo che quest’ultimo ha resistito alla pressione di due avversari. Lo stesso capitano rossoblù ci prova poi alla mezz’ora direttamente su calcio di punizione ma la conclusione è di poco a lato. L’ultimo sussulto della squadra bianco/stellata avviene allo scadere della partita: il calcio da fermo di Curcio si trasforma in un delizioso cross in area piccola ad Angotti il quale, nonostante abbia preso ottimamente i tempi della stoccata, trova un sontuoso Stillitano. I rossoblù per il morale, mentre i bianco/stellati ora devono vincere contro la Vigor Lamezia per cercare di centrare i playoff in casa.

SORIANO: Stillitano 7; Mangano 6,5, Romeo 7, Percopo 7, Bardari 7, Traorè 6,5; Tozzo 7,5 (38′ st Armignacca 6), Greco 7, Criniti 7; Santaguida 6,5 (40′ st Filardo sv), Figliomeni 7. A disp. Nania, Nesci, Gambino, Romagnino, Prestanicola, Saccà, Capellupo. All. Andrea Parentela

SCALEA: Ramunno 6; Maceri 6, Bertini 5,5, Caruso 5,5, Pizzoleo 6; Richella 6,5, Bruzzese 6, Riccardi 5,5 (36′ st Lavecchia sv); Curcio 6, Musso 5 (10′ st Tricoli 6), Angotti 5,5. A disp. Martino, Ramundo, Castellano, Benanti, Barbu, Canale. All. Saverio Gregorace

ARBITRO: Pasquale Gatto di Lamezia (assistenti Paolo Romeo di Reggio Calabria e Angelo Celestino di Reggio Calabria

MARCATORI: 1′ Figliomeni (SO), 6′ Richella (SC), 14′ st Tozzo (SO)

NOTE
: Ammoniti: Bardari (SO), Romeo (SO), Santaguida (SO), Parentela (SO), Ramunno (SC), Caruso (SC), Zaccone (SC) dirigente. Espulso Bertini per doppia ammonizione. Angoli: 2-5

VINCENZO PRIMERANO

CONDIVIDI