Futsal, intervista alla scudettata reggina Pamela Presto

188

La Calabria e Reggio Calabria nel mondo del futsal femminile può vantare diverse giocatrici che attualmente disputano la massima serie. Tra queste la reggina doc Pamela Presto, classe 1983, che in età giovanile inizia a praticare qualsiasi tipo di sport: atletica, corsa, ma calcio e futsal.  All’età di 14 anni inizia a giocare nell’Agorà si a calcio a 11 che a calcio a 5. All’età di 17 anni va alla Cenide e nel 2010 approda alla Pro Reggina di Enzo Tramontana partecipando sia al campionato di calcio a 5 che al campionato di calcio a 11.

Nella stagione 2011/2012 nasce la Serie A del futsal femminile e la Pro Reggina entra nella storia essendo la prima squadra a vincere la competizione, con la giovane Presto a farne presto. L’anno successivo (dopo aver disputato due anni con la Pro Reggina) lascia la Calabria e va nel Lazio insieme ad altre due calabresi, la Siclari (compagna di altre battaglie) e la Violi.

Il primo anno per la Presto è davvero fantastico con le vittorie di campionato, Supercoppa e Coppa Italia, il secondo anno rimane ancora alla Lazio uscendo in finale contro la Ternana e l’ultimo anno perde la semifinale playoff contro l’Isolotto.

Nella stagione 2017/2018 approda alla Ternana dove vince lo scudetto e nella stagione 2018/2019 con l’immensa e inseparabile compagna Siclari al Futsal Salinis si porta a casa l’ennesimo tricolore, conquistandosi la riconferma e giocando nella nuova stagione per 5 titoli: si inizia l’11 settembre con la Supercoppa contro il Kick-Off Milano, proseguendo con la Coppa Divisione dove parteciperanno anche le squadre di Serie A2, campionato, Coppa Italia e quest’anno anche la Champions League. Ecco le parole della giocatrice a riguardo della sua carriera:

Una carriera fatta di sacrifici, ho iniziato dalla mia patria ma alla fine sono stata costretta ad andar fuori e a scegliere progetti adeguabili al mio crescere. Quest’anno andrò a giocarmi il tutto per tutto anche perchè a 35 anni aver vinto l’ennesimo scudetto è una grossa soddisfazione. Nella stagione 2019/2020 andrò appunto a giocarmi 5 titoli, con la speranza che sia un altra stagione da incorniciare“.

CONDIVIDI