Sabato no per la Cormar Polistena travolta a Pescara

72

Sabato da dimenticare per la Cormar Polistena che viene travolta dal Futsal Pescara. Una sconfitta che punisce oltremisura, almeno nel punteggio, i reggini, i quali avevano chiuso il primo tempo sotto di un solo gol collezionando anche qualche chance da rete e concedendo non molto agli abruzzesi. Che, dal canto loro, si sono scatenati nella ripresa, sfruttando alcuni gravi errori da parte degli avversari e le praterie lasciate aperte dai ragazzi di Rinaldi alla ricerca dei gol in grado di riaprire il match.
In avvio abruzzesi subito pericolosi con un tiro che si stampa sul palo. La Cormar si difende bene e quando può riparte. E due di queste ripartenze vedono Arcidiacone protagonista: in una occasione è il palo a fermarlo, in un’altra una deviazione. Ma al minuto 11 i locali passano con un bel tiro di Gui che supera Parisi. I polistenesi accusano momentaneamente il colpo concedendo un paio di occasioni agli avversari per poi rialzarsi a fine primo tempo collezionando una doppia chance targata Eric-Vinicius.

Al ritorno in campo si capisce sin da subito che sarà un secondo tempo frizzante. Ma a creare le bollicine sono solo i biancoazzurri che con Ferraioli raddoppiano sfruttando un errore di Minnella. Il tris di Misael suona come una sentenza anche se lo stesso Minnella si fa perdonare dell’errore in occasione del raddoppio pescarese mettendo la palla alle spalle di Mammarella e riaprendo il match. Le speranze di Creaco e compagni durano però quanto un cappone la notte di Natale: in meno di due minuti infatti, complice il portiere di movimento gettato nella mischia da Rinaldi come ultima spiaggia e un errore di Parisi, gli abruzzesi vanno a segno altre tre volte con Misale, Gui e Andrè. Il 6-1 spegne le speranze di una Cormar Polistena visibilmente stanca, complice anche i tanti impegni ravvicinati di queste prime giornate di campionato che non hanno consentito un adeguato riposo, specie nei confronti di un Futsal Pescara che può vantare una rosa molto profonda. Misael e Gui rimpinguano ulteriormente il tabellino e il match si chiude con un fin troppo pesante 8-1.

Per la squadra del presidente Cordiano adesso ci saranno due impegni consecutivi in casa contro due avversari di rilievo quali Sandro Abate e soprattutto Syn Bios Petrarca. Partite non semplici ma la Cormar vista a Pescara nel primo tempo può giocarsela con tutti.