Buona la prima di playoff per il Futsal Polistena [FOTO]

75

Vittoria meritata per i bianconeri del Futsal Polistena, che battendo il Bernalda di mister Cipolla si qualificano alla fase successiva dei playoff, dove incontreranno la Pirossigeno Città di Cosenza.

Fasi di studio ad inizio partita con le due squadre che cercano le migliori soluzioni. Tenta di sbloccare il risultato il Futsal Polistena con un gran tiro di Diogo ma la palla esce di poco a lato. Dopo qualche minuto ancora Diogo sfiora la rete e sulla ripartenza è bravo Borges a farsi trovare pronto per la rete del vantaggio ospite. Reagiscono i bianconeri e, dopo vari tentativi a vuoto, è bravo Dentini a scardinare l’ottima difesa avversaria per il pareggio. Ci prova due volte Diogo, Vinicius e anche Silon ma è attento il portiere Timm a non farsi sorprendere. Nulla può però sul tiro di Vinicius che si insacca per il 2 a 1 a un minuto dalla sirena.

Inizio ripresa doppia conclusione di Silon, fermato dal portiere ospite, attento a ribattere. Poco dopo ottimo schema su calcio d’angolo con tiro da fuori di Juninho per il 3-1. Al settimo ripartenza veloce di Dentini steso da Fusco, il quale, ammonito per la seconda volta, viene espulso. Inferiorità numerica che costa cara al Bernalda, perchè ne approfitta Silon segnando la rete del 4-1. Non si rassegnano però i rossoblu e accorciano grazie al rigore di Bocca. Partita che si innervosisce, ne fa le spese il tecnico Molluso che viene  espulso e poco dopo rosso anche a Diogo, per un presunto fallo apparso ai più inesistente e il Futal Polistena, in inferiorità numerica, subisce il 4-3 ad opera di Schacker a 5’44 dalla fine. A due minuti dal termine mister Cipolla si gioca la carta del portiere in movimento, ma recupera palla Vinicius il quale da lontano gonfia la rete per il 5-3 finale.

Buona quindi la prima di playoff per il roster del Futsal Polistena, che da subito andrà a preparare la sfida di sabato prossimo contro la Pirossigeno Cosenza, uscita vincente con il Regalbuto.

Galleria fotografica a cura di Giovanni Nasso