Il Futsal Polistena si conferma vittorioso col Regalbuto [FOTO]

42

Il Futsal Polistena ha ospitato il Regalbuto e confermando l’ottimo stato di forma esce vittorioso contro una buona squadra ben messa in campo dal tecnico Paniccia. Partita piacevole ed equilibrata con occasioni che fioccano da una parte e dall’altra, con ottimi interventi dei due portieri a dire no agli avanti avversari.

A 8:15’ Fortuna esce dal campo dopo uno scontro fortuito di gioco e deve far ricorso ai sanitari che lo fanno rientrare dopo aver suturato la ferita, ovviamente solo come spettatore della gara. Subito dopo la ripresa del gioco la squadra del tecnico Molluso nel giro di tre minuti segna un micidiale tris, prima con Arcidiacone che approfitta di una indecisione del portiere ospite fino a quel momento impeccabile, seconda rete di Maluko e tris di Silon. Non ci sta però il Regalbuto che accorcia prima con Chiavetta e subito dopo con Wallace ed al fischio della sirena il tabellone segna 3-2 per il Futsal Polistena.

Ripresa che inizia bene per i ragazzi di Molluso, che passano ancora con Dentini il quale approfitta della solita sponda di Maluko per battere il portiere avversario, ma è sempre vivo il Regalbuto con Palmegiani che recupera palla e la offre all’accorrente Nimo Cobo il quale accorcia per la sua squadra. Anche nel secondo tempo la partita rimane aperta e molto piacevole soprattutto con Maluko che si dimostra ancora ottimo rifinitore ed offre la palla a Silon il quale scaglia un gran tiro che batte sul palo interno e finisce in rete. Prima della fine della partita c’è ancora tempo per il “solito” Maluko, che prima sfrutta un lancio di capitan Martino ed infine sfrutta il portiere in movimento degli ospiti per piazzare la sua personale tripletta.

Finisce con il risultato di 7-3 per il Futsal Polistena, una partita nella quale se ci fosse stato il pubblico sarebbero stati applausi scroscianti per due squadre che si sono date battaglia, giocando a viso aperto con grande correttezza.

Ecco la galleria fotografica del match a cura di Giovanni Nasso