Nazionale Europea, quando?

56

Se il Mondiale – quale che sia la disciplina, ma più di ogni altra il calcio – rispecchiasse realmente gli equilibri politici e non quelli nazionalistici, delle Federazioni e soprattutto degli sponsor, dovremmo affermare che la formula attuale sia errata. Comunque monca. Manca una formazione che, politicamente dovrebbe essere l’espressione dell’Europa. La Nazionale Europea non esiste. Nessuno ne parla. Nessuno la vuole. Guai perfino a pensarla!

Ciò nonostante la moneta unica, il Parlamento Europeo, i Regolamenti comunitari e una Corte di Giustizia. Elementi tutti, questi, che con il territorio concretizzerebbero almeno accademicamente gli elementi fondamentali di uno Stato o, come per gli Stati Uniti, di una Federazione di Stati. Al Mondiale o alle Olimpiadi infatti gareggiano gli atleti “statunitensi” e non quelli della California, dell’Ohio, del Kentucky o di un altro dei 52 paesi statunitensi americani.

In Europa invece calcisticamente parlando impera un concetto nazionalistico rigido: come se l’Europa unita non esistesse. Ecco perchè quasi nessuno si sente veramente “Europeo”. Una selezione Europea una vera nazionale calcistica dovrebbe invece essere pensata. Potrebbe contribuire più di quanto fecero …anta anni or sono i mitici Giochi senza Frontiere a costruire e a rinsaldare un ideale di Europeismo che oggi scricchiola fra migrazioni epocali, crisi di identità politica, culturale e religiosa con un Trump che alacremente lavora per minare alle basi la concretezza stessa dell’Unione Europea.

CONDIVIDI