Campi da calcio non a norma: lo sfogo di D’Aleo della Pro Pellaro

360

La questione campi da gioco ormai da anni affligge e sacrifica le squadre dilettantistiche del territorio reggino che spesso, a causa di difetti tecnici più o meno rilevanti, si trovano costrette a dover migrare verso paesi limitrofi per poter effettuare gli allenamenti e disputare le partite. Ciò non senza aggravi economici, in termini di costi delle trasferte ed anche di mancati guadagni, tra le altre cose, per la mancata partecipazione alle gare dei tifosi. Problema, questo, che sta molto a cuore al dottor D’Aleo, presidente onorario della Pro Pellaro.

Un fenomeno che colpisce solo la provincia di Reggio – dichiara D’Aleo – e che porterà molte società che investono annualmente migliaia di euro a chiudere. E’ quantomeno scorretto che un amministratore dichiari non agibili campi da gioco, dove per anni ed anni si son svolte partite, per delle iniquità tipo: “necessita il bagno per gli arbitri disabili, le luci di posizione nei gradini della tribuna, i 2 metri dei pali di illuminazione più alti ed altri banali cavilli“. Società come la Pro Pellaro, che manualmente ha operato nel terreno, oggi costretta a pagare un ingente affitto ad altra società, il Polistena o la Villese, con stadi bellissimi, fare altrettanto.
Ravagnese ed Archi – prosegue D’Aleo -, che potrebbero anche avere un proprio terreno, si trovano costrette a dover andare a Valanidi, così come il Borgo, con lo stadio a Melito, spostarsi a Bocale, l’Ardore, sino a qualche settimana fa, a Roccella, e la Saint Michel a Palmi, il Catona a zingarare tra ospitanti. Tutto succede SOLO nella provincia di Reggio. Si toglie la possibilità di giocare di fronte al proprio pubblico. Pochi incassi, niente scuole calcio, settore giovanile minimale, pochi sponsor. Poi la Lega, che dovrebbe essere parte interessata, ogni anno va alla ricerca di società per completare i gironi… Penso sia un problema comune – conclude -, che in comune andrebbe risolto o il dilettantismo resterà in agonia.

Dr D’Aleo, Pres.onor. Pro Pellaro

CONDIVIDI