Palmese, anche il Santa Cristina alza bandiera bianca

670

La prima in assoluto della Palmese contro il Santa Cristina, che appena due stagioni orsono militava in Terza Categoria mentre i neroverdi erano ben cinque categorie sopra, si conclude con un netto successo.
Primo tempo: Dopo le primissime fasi di studio, con la Palmese a prendere campo, allo scoccare del primo quarto è Legato a trovare la porta con un tiro dalla distanza che, dopo aver incocciato il palo, batte Mammone. I padroni di casa cercano di reagire ma la scarsa organizzazione di gioco, dovuta anche a qualche assenza di troppo, li fa andare ancora sotto con Crucitti e con La Scala che triplica nonostante la pressione di un difensore. Santa Cristina che, comunque, va vicinissima alla rete con Cosoleto il cui tiro si perde di poco a lato.
Secondo tempo: Il cliché, complice l’ampio vantaggio acquisito dai neroverdi, è sulla falsa riga di un allenamento con le due squadre che, comunque, cercano qualche buona giocata. A trovare quella degna di nota, dopo una secca conclusione di Gangemi ben bloccata da Foti subentrato a Licastro e una di Legato che sorvola la traversa, è ancora la Palmese con Saba che infila il cuoio in rete da due passi.
Dopo aver maramdeggiato contro l’Ardore anche il volenteroso Santa Cristina nulla può e lo 0-4 colto nel piccolo centro aspromontano, in un pomeriggio soleggiato che ha richiamato sugli spalti una discreta cornice di pubblico (presenti oltre un centinaio di spettatori) è il chiaro segnale che la Palmese ha già numeri da grande.