Prima Categoria, l’analisi di Paviglianiti

224

Il tecnico Francesco Paviglianiti, ex allenatore della Bovese, ha analizzato per noi le prime giornate del girone “D” di Prima Categoria.

Iniziando dalla testa della classifica troviamo la Cinquefrondese del presidente Bellocco che sta sicuramente facendo bene, con una squadra costruita con oculatezza ed affidata ad un tecnico molto preparato. Il Borgo Grecanico nell’ultima di campionato è andato a fare la voce grossa in casa della Bovese che comunque a detta di chi ha visto la partita non meritava un passivo così pesante. Il Borgo è una squadra che anche grazie alla fusione con la Melitese ha grandi ambizioni con un’ottima rosa di giocatori. Domenica affronterà in casa la Saint Michel in un macth che potrà sicuramente offrire un ottimo spettacolo, contro la squadra del tecnico Mammoliti che si presenta imbattuta e anch’essa con ottimi giocatori nella propria rosa. Al quarto posto troviamo la Bovese che sicuramente vorrà riprendere la via della vittoria già dalla prossima partita contro il San Roberto, anche se la squadra del presidente Oliveri ha il dente avvelenato viste le due sconfitte subite nei minuti di recupero. Le tre squadre che occupano il sesto, il settimo e l’ottavo posto, sono tre formazioni che diranno la loro nel corso del campionato. La Deliese andrà a far visita al Rosarno in una partita di sicuro interesse e di alto spessore tecnico, mentre la Pro Pellaro sarà ospite della Scillese in una partita che potrebbe sembrare facile vista la posizione della squadra di casa, ma sappiamo bene che ogni partita ha una storia a parte. Tra l’ottavo ed il tredicesimo posto, nel giro di 4 punti troviamo Bianco, San Roberto, Lazzaro, San Gaetano, Fortitudo e Palizzi, le quali sono squadre che possono dare fastidio agli avversari e che in ogni partita scendono in campo sicuramente alla ricerca della vittoria. In definitiva si può tranquillamente affermare che il girone di Prima Categoria girone D, è un campionato avvincente, con partite come quelle di domenica prossima che possono andare a delineare meglio le posizioni in classifica“.