Prima Categoria, tanti blasoni al via

239

“Tutti vogliono viaggiare in prima” cantava qualche anno fa Ligabue. Più che mai quest’anno diremmo noi. Senza scomodare troppo gli altri gironi dove comunque troviamo squadre come Montalto, Corigliano, Luzzese, Silana, Guardavalle, Vigor Lamezia e Sambiase, il gruppo D rappresenta un vero e proprio “covo” di nostalgia. Blasoni con alle spalle tanti campionati di Serie D (o vecchia Quarta Serie), Eccellenza e Promozione, ma anche tante Coppe Italia Dilettanti in bacheca.

A guidare il nutrito gruppo la Palmese, reduce dall’Eccellenza e presa per i capelli, ad un passo dalla scomparsa, dal neo presidente Francesco Sergi. Rosa alla mano una corazzata, con un tecnico esordiente, Peppe Crucitti, che rivestirà anche il ruolo di calciatore. Tra le squadre dal passato glorioso ecco la Villese, a cui la stessa Palmese qualche anno fa soffiò il record di punti in Eccellenza. La squadra dello Stretto, dopo quella stagione da sogno (in cui vinse anche la Coppa Italia), iniziò un percorso di alti e bassi che l’ha portata ora nel terzo campionato regionale. Fresche di ripescaggio Siderno e Taurianovese. Gli jonici, che negli ultimi anni sono stati sempre protagonisti tra Eccellenza e Promozione (vincendo anche la prima edizione della Coppa Italia) ma che pochi lustri fa hanno calcato con onore i campi dell’Interregionale e i giallorossi che la massima serie dilettantistica l’hanno sfiorata nel 2006/2007 perdendo la finale playoff nazionale di Eccellenza ma vincendo, in quella occasione, la Coppa Italia Dilettanti. Ma in un lontano passato (fine anni 50) la popolosa cittadina della Piana ha varcato le porte del dilettantismo regionale disputando un paio di campionati di quarta serie affrontando squadre come Crotone, Cosenza e Juve Stabia, tra le altre.

Come non considerare poi Deliese e Polistena, spesso presenti in Eccellenza e Promozione e protagoniste ambedue, in epoche differenti, nel massimo torneo dilettantistico nazionale. Un passaggio in Serie D, molto rapido, lo vanta anche la Scillese, che nel 2005/2006 si ritrovò perfino a sfidare Vibonese e Cosenza. Anche Ardore e Pellaro sono piazze che in passato hanno disputato finanche l’Eccellenza, specie i bianconeri che in un pazzo playoff degli anni 2000 si ritrovano a lottare per la Serie D. Bianco, Catona e Lazzaro fino a pochissimi anni fa sono state tra le presenze fisse nel torneo di Promozione.

Chiudono il quadro Palizzi, Bovese e S. Cristina, realtà che sebbene non hanno mai avuto modo di essere massime protagoniste regionali hanno una lunga tradizione in queste categorie e la Saint Michel che, nata qualche anno fa, sta creandosi il proprio interessante spazio nel torneo di Prima Categoria.

Videointervista ad Antonio De Giorgio, ds Deliese