Archi-Borgo Grecanico è sfida salvezza

74

A Caraffa del Bianco è stato difficile ma l’Archi ci ha messo impegno e dedizione riuscendo a pareggiare con merito. Realizzatore della rete il neo arrivato Alessandro Moaurò. Gianni D’Agostino ha sprecato un rigore, mentre il migliore i campo è stato Meliadò.

Nelle restanti cinque gare interne con scontri diretti per la permanenza, l’Archi si gioca la sua stagione e i suoi obiettivi. 11 gare all’epilogo della stagione regolare e si entra nella fase cruciale, dove ogni minimo errore può essere fatale.

Occorre standardizzare la formazione, il “credo” tattico del pragmatico Peppe Verbaro. Archi che non può “prescindere” da alcuni giocatori cardini, gli argentini Acosta e Griguol sempre più positivi, la linea difensiva regge bene con Qosia, il portiere Bagnato, Giulio Morabito, fa la differenza il “capitano” tre quartista e cannoniere Gianni D’Agostino.

Sabato al Lo Presti la sfida salvezza contro il Borgo Grecanico. Servono i tre punti per alimentare il carniere.