Cinquefrondese, intervista al centrocampista Clasadonte

193

La seconda giornata del campionato di Promozione, vedrà confrontarsi sul sintetico del Corrado Cimino, la locale squadra della Cinquefrondese e l’Atletico Maida. Quest’ultima è reduce dalla vittoria giunta sui titoli di coda grazie alla rete di Mercuri, che ha sancito la vittoria contro il Ravagnese. Umore diverso per la Cinquefrondese che, dopo un buon primo tempo, è caduta sul campo del Melito.

Abbiamo chiesto al centrocampista Piero Clasadonte, un suo parere sul momento della squadra biancoazzurra, partendo dalle difficoltà della prima gara. «E’ stata una partita nella quale siamo entrati in campo creando diverse situazioni per fare goal, non riuscendo solo per sfortuna a passare in vantaggio. Nella loro prima azione offensiva siamo andati sotto, riuscendo però a pareggiare a fine primo tempo. Poi nella ripresa tra il caldo ed il fatto che siamo tutti nuovi, si è notato che alcuni meccanismi li dobbiamo ancora assimilare, ma siamo fiduciosi per la gara di sabato. Incontreremo l’Atletico Maida, a mio avviso squadra con tecnico e giocatori importanti per la categoria. Sarà una partita difficile, dobbiamo approcciarla nel migliore dei modi, consapevoli quale sia la nostra forza e dimostrandola sul campo, lottando fino all’ultimo minuto per raggiungere il risultato».

Giocando in casa ci possono essere dei vantaggi, anche se la società del presidente Bellocco dopo avere investito tanto improntando una rosa importante, spera quest’anno di avere qualche tifoso in più sulle gradinate del “Corrado Cimino”. «Il fattore campo è sicuramente importante, ma sia in casa che fuori le partite vanno approcciate con la giusta concentrazione e determinazione, perché per raggiungere il risultato in questa stagione con le squadre che sono state create sarà molto difficile. Con la rosa al completo possiamo dire la nostra contro chiunque, in tal senso speriamo di recuperare qualche infortunato, per dare le giuste soddisfazioni alla società che merita tanto».