Gioiese, il girone di ritorno parte dall’Africo

121

Lavoro duro, cura dei dettagli, puntare al top. Così la Gioiese sta preparando il sorpasso in campionato. Detronizzare il Brancaleone dalla vetta della classifica è l’obiettivo di mister Graziano Nocera nel girone di ritorno che va a cominciare domenica. La squadra è stata protagonista di un’eccellente girone d’andata. Tuttavia l’aver sfoggiato numeri da capogiro – secondo miglior attacco e difesa più ermetica del girone – non è bastato per virare in testa al giro di boa. La differenza con la capolista sta tutta nella casella delle sconfitte. Pesano e non poco i due ko casalinghi consecutivi (uno maturato sul campo col S.  Giorgio, al ritorno in campo dopo 2 settimane di stop per Covid, e l’altro a tavolino col Caraffa, dopo che la gara era finita 3-1 per i viola). La Gioiese era prima in classifica con 4 punti di margine sulle inseguitrici ed era reduce da ben 7 vittorie consecutive, quando tutto si è maledettamente complicato, frenando la fuga  di Sanchez e compagni. Adesso, con un intero girone di ritorno da disputare ed appena un punto di ritardo dalla vetta nulla è perduto. Anzi!

L’urgenza adesso è rimanere in scia, sperando prima possibile nel sorpasso in maniera tale da arrivare primi al termine del torneo. Cultura del lavoro e senso di appartenenza gli ingredienti scelti in estate da Nocera per costruire una squadra coerente con le sue idee. Il primo bimestre è servito a modellare l’organico, poi con i dovuti aggiustamenti  si è trovata la quadratura del cerchio, e se non fosse stato per i suddetti intoppi, a quest’ora la classifica sarebbe decisamente diversa.

DIFESA – Il reparto ha retto benissimo. Ben 8 clean sheet ed appena 8 reti al passivo la dicono lunga sul granitico e quasi impenetrabile muro eretto dal trainer viola. A guidare i compagni l’esperienza di capitan Stillitano e Gambi. Ottimo il rendimento anche di uno degli ultimi arrivati, Romeo, così come del giovane fuoriquota Angilletta, titolare inamovibile, elemento di grande prospettiva. Di grande affidamento i portieri che si sono alternati nel girone di andata, l’argentino Rodriguez ed il 2003 Randazzo. Ora si è aggiunto l’argentino Accinelli, pipelet di spessore che garantisce sicurezza alla squadra. Affidabili i giovani Strangi ed Ismaele Pavia, entrambi 2004 che torneranno utili nel girone di ritorno, mentre è probabile l’arrivo di un altro centrale per sostituire l’argentino Pietrantonio, trasferitosi in Bulgaria.

CENTROCAMPO – Clasadonte è il vero ispiratore della manovra viola. Tutti i palloni passano da lui ed è uno spettacolo vederlo giocare. Un elemento che c’entra poco con la categoria. Eccellente anche il lavoro degli altri componenti il reparto, come Denaro, subito integratosi molto bene negli schemi di mister Nocera, i settepolmoni Corica Guerrisi e Saccà, ed i giovani Lorenzo Pavia, Hanaman ed Husain, carte a disposizione del tecnico che saranno molto utili nella fase discendente del torneo.

ATTACCO – Anche il reparto offensivo si è espresso ad alti livelli fin qui. Ben 31 reti realizzate sono un gran bel bottino, con la coppia più prolifica del torneo Sanchez-Spanò, che in due hanno totalizzato 17 marcature. Buono l’inserimento dell’argentino Stefanazzi, con 5 presenza e una rete fin qui. L’esplosione del baby Rechichi (classe 2005), la vera scommessa del tecnico Nocera, la ciliegina in un organico in cui è difficile trovare lacune.

Domenica intanto terza trasferta consecutiva sul difficile campo di Bianco, per rendere visita all’Africo, guidato ora da Romeo, dopo le dimissioni di mister Criaco. La Gioiese è reduce dai successi sui campi di Borgo Grecanico ed Archi e vuole continuare il suo importante cammino. C’è consapevolezza che anche domenica non sarà facile. L’Africo in classifica ha 15 punti raccolti tutti tra le mura amiche ed in casa ha perso solo contro l’Archi. E’ vero che le grandi le ha affrontate tutte in trasferta, ma è altrettanto vero che su 8 gare casalinghe ne ha vinte ben 4 e pareggiate 3. Bisognerà quindi tenere alta la concentrazione se si vorrà centrare il settimo colpaccio esterno consecutivo. Nell’Africo mancherà lo squalificato Costantino Mollica mentre tra i viola saranno ancora assenti lo squalificato bomber Sanchez e Denaro. Probabile conferma, quindi, per l’undici che domenica ha vinto a Gallico contro l’Archi.

Da segnalare infine una buona notizia per i tifosi. La società, infatti, ha deciso di disputare le prossime gare casalinghe al Polivalente di Gioia Tauro. Un’opportunità in più per gli sportivi per stare sempre più vicini ai propri beniamini a partire da domenica 30 quando al Polivalente sarà di scena il Capo Vaticano.

CONDIVIDI