Gioiese, intervista al dirigente Sabino Russo

140

Abbiamo incontrato Sabino Russo, dirigente della Gioiese, a pochi giorni dalla sfida di Filogaso. Una passione, quella per i colori viola, che coltiva sin da bambino.

Più 5 in classifica a 6 giornate dalla fine sulla zona salvezza. Possiamo dire che alla squadra viola manca ormai poco per raggiungere il traguardo, dopo la vittoria di domenica scorsa?

Ebbene si, abbiamo al momento 5 lunghezze al di sopra la zona calda, pero c’è da considerare che ancora mancano sei giornate al termine del torneo, e in questo rush finale ci sono ancora molti scontri diretti decisivi che potrebbero cambiare le sorti di molte squadre, quindi dobbiamo stare con i piedi per terra ed avere la consapevolezza che per noi ogni partita è come una finale da disputare e vincere ovviamente, se vogliamo arrivare al traguardo prefissato per questa stagione, in modo tranquillo.

Una stagione tribolata ma un obiettivo alla portata. Qual è la forza della squadra viola?

Una stagione abbastanza complessa e difficile, già a partire dal precampionato, basti pensare che si è dovuto rinunciare alla gara di Coppa Italia della stagione corrente e con un inizio di campionato con molti fuori quota a disposizione dei mister e con un organico numericamente basso. Direi una prima parte di campionato non all’altezza del nome Gioiese, con numerose sconfitte, anche se la maggior parte di misura, pero i ragazzi non hanno mai mollato, sopratutto nelle tante difficoltà presentatesi, credendo fortemente insieme al mister Ficarra che il girone di ritorno potesse avere un cambio radicale sia a livello di risultati, sia a livello di organico. Ed è proprio questa la vero forza della Gioiese: crederci sempre e mai mollare.

I ragazzi come hanno vissuto le vicende societarie delle scorse settimane?

Beh c’è da dire sicuramente che gli ultimi mesi sono stati dei mesi abbastanza difficili per le varie vicende societarie che tutti ben sappiamo. Nonostante questo periodo intenso e movimentato la squadra ha saputo reagire con i fatti sul campo regalando al pubblico gioiese tantissime emozioni.

Che progetti ha la Gioiese per il prossimo futuro considerando il cambio societario?

Per quanto concerne il futuro di questa gloriosa e blasonata società penso che una volta avuta la matematica salvezza di questa stagione si inizierà a programmare già per disputare un campionato importante l’anno prossimo e sono sicuro che la nuova società, con a capo il duo Pulimeni-Comi, abbia importanti progetti per la città di Gioia Tauro.

Domenica la trasferta di Filogaso, come ci arriva la squadra?

Sappiamo che la trasferta di domenica sul campo ostico di Filogaso è una trasferta abbastanza difficile perché andremo ad affrontare una squadra ben organizzata e con validi elementi in rosa, ma a questo punto della stagione affronteremo qualsiasi gara come una finale al fine di raggiungere il nostro obiettivo.

 

CONDIVIDI