L’Archi pareggia con la Cinquefrondese ed è matematicamente salvo

130

L’Archi è matematicamente salvo, grazie al 2 a 2 con la Cinquefrondese e domenica  si gioca a Gioia Tauro.

Archi matematicamente salvo, si fa pari per 2 a 2 contro la Cinquefrondese, si recupera il gol ospite di Cutano con il pari di Griguol e il sorpasso di Gianni D’Agostino (11 centri personali) e poi il definitivo pari ospite di Pantano.

L’Archi del patron Mimmo Tripodi ha fatto davvero bene, complimenti! Scelte azzeccate, il pragmatico mister Peppe Verbaro abile condottiero. Gli argentini Acosta, Griguol e l’attaccante Moauro determinanti insieme a Giulio Morabito, Quosia, Meliadò, Zanello, il portiere Bagnato, Furci, Adornato, Nicolazzo, tutti hanno dato il meglio.

37 punti in graduatoria, 9 vittorie, 10 pareggi, 10 sconfitte. In casa 7 vittorie, 4 pari, 5 sconfitte, fuori casa, 2 vittorie, 6 pareggi, 5 sconfitte, questi i numeri della squadra.

Negli ultimi 90 minuti c’è la trasferta di Gioia Tauro per “salutare” una stagione positiva e progettare l’immediato futuro.