Promozione: numeri e curiosità al termine del girone di andata

310

Con i recuperi di domenica scorsa si è quasi completato il girone d’andata. Resta infatti da disputare il secondo tempo di Bagnarese-S. Gaetano, sospesa nell’intervallo domenica per infortunio all’arbitro, sul 2-1 per i padroni di casa, che avevano ribaltato il gol iniziale dei reggini. Negli altri due recuperi successo di misura della Vallata del Torbido sul Melicucco, mentre la Gioiese ha piegato nei minuti finali l’Archi con una doppietta del baby Rechichi.

Essendo giunti a metà cammino, ne approfittiamo per dare un’occhiata ai numeri del torneo, che ha visto laurearsi campione d’inverno il Brancaleone con 35 punti, uno in più del duo Gioiese-Catanzaro Lido (anche se sul campo è stata la Gioiese a fare più punti, 37). La Gioiese ha comunicato di aver presentato un controricorso avverso lo 0-3 a tavolino per la gara col Caraffa, per cui spetterà alla Corte d’Appello Federale decidere sulla vicenda.

L’unica squadra ad aver sempre vinto tra le mura amiche è il Brancaleone, mentre la sola a non aver mai vinto è il fanalino Rombiolese. Non hanno mai pareggiato in casa Brancaleone e Gioiese, mentre le sole imbattute in casa sono Brancaleone, Capo Vaticano, Caraffa e San Giorgio. Le squadre che hanno vinto di più in trasferta sono Gioiese e Catanzaro Lido, con 6 successi esterni in 8 gare, mentre non hanno mai vinto in esterno Borgo Grecanico, Africo, S. Gaetano, Bagnarese, Melicucco e Rombiolese. Non hanno mai pareggiato in trasferta Africo e Bagnarese (sempre sconfitti) ed il Ravagnese. Unico imbattuto in esterno il Catanzaro Lido.

E’ del Caraffa il miglior attacco del torneo con 31 reti (quindi oltre 2 gol di media a partita), davanti a Brancaleone e Catanzaro Lido con 29, quindi Gioiese e Capo Vaticano 28 (sul campo però sono 31 quelli fatti dai viola di Nocera). E’ del Melicucco l’attacco meno prolifico, con appena 10 reti realizzate. La difesa meno perforata del torneo è quella della Gioiese con appena 8 gol al passivo, della Rombiolese con 34 reti subìte la peggior difesa.

Il capocannoniere del torneo è Giglio del Catanzaro Lido con 13 gol realizzati (2 su rigore), seguito a quota 9  da Sanchez della Gioiese (3 rigori) e Galletta G. del Brancaleone (5 rigori), ad 8 da Spanò della Gioiese e Passafaro del Caraffa (2 rigori), a 7 Rubertà (Brancaleone) e Tripodi (Capo Vaticano).

La Rombiolese è la squadra che ha impiegato più calciatori in questo girone d’andata, ben 47, seguita dalla Gioiese con 39 atleti utilizzati. Il Brancaleone è la squadra che ha utilizzato meno calciatori, appena 25, seguito da Catanzaro Lido, San Giorgio e Borgo Grecanico con 27. I calciatori che hanno preso parte a tutte le gare sono Riccelli e Commisso del Caraffa, Nania, Bassi De Masi e Giglio del Catanzaro Lido, Leonardi, Iacono e Postorino S. del S. Gaetano, Cotroneo D., Palamara e Politano della Bagnarese, Zuccalà del S. Giorgio, Tuscano, Pereira, Galletta G. e Virgara del Brancaleone, Gonzalo Irastorza del Borgo Grecanico, Darboe della Vallata del Torbido e Nicolazzo dell’Archi.

La squadra che ha avuto più calci di rigore a favore è la capolista Brancaleone, che ne ha avuti assegnati ben 6, (tutti realizzati da Giovanni Galletta, tranne quello sbagliato sul campo della Gioiese), seguita da Vallata del Torbido, Borgo Grecanico, Ravagnese e Capo Vaticano con 4. Uniche squadre a non aver mai usufruito di un penalty Africo e San Gaetano. La Vallata del Torbido è invece la squadra che ha avuto assegnati contro più rigori (6), seguita da Borgo Grecanico e San Gaetano con 4. Gioiese, Africo,  Bagnarese e Catanzaro Lido hanno invece avuto assegnato contro solo un calcio di rigore.

E’ la Bagnarese la squadra che ha avuto più espulsioni (7), seguita dall’Africo con 6. Brancaleone, Catanzaro Lido e Capo Vaticano hanno invece avuto solo un’espulsione.

Domenica intanto riparte il torneo che, contrariamente a quanto era stato disposto dalla Lega, riprenderà il suo cammino regolare dalla prima giornata. E’ stata infatti fatta slittare la data di conclusione del torneo, che dal 10 aprile è slittata al 1 Maggio. La prossima settimana, inoltre, quasi certamente verrà riaperto il mercato dilettanti per 10 giorni (dal 26 gennaio al 4 febbraio).

Per la prima di ritorno, in programma ben 5 anticipi, con la capolista Brancaleone, di scena a Valanidi sull’inviolato terreno del S. Giorgio, il Catanzaro Lido ospiterà il S.Gaetano, e si giocheranno anche Bagnarese-Ravagnese, Archi-Rombiolese e Borgo Grecanico-Vallata del Torbido. Il quadro verrà completato domenica da Melicucco-Caraffa, Capo Vaticano-Cinquefrondese (tra i locali esordirà il nuovo centravanti argentino di 190 cm Manzanares) ed Africo-Gioiese, che si giocherà sul neutro di Bianco.

CONDIVIDI