Strascichi della gara Africo vs Roccella

1998

Duro comunicato stampa dell’Asd Roccella, relativamente alla gara giocata ieri contro l’Africo, pervenuto alla nostra Redazione, con lettera indirizzata alla Lega nazionale dilettanti Calabria

Gent.mo PRESIDENTE LND/FIGC CALABRIA
Dott. Saverio Mirarchi
e.p.c. USD AFRICO
Stampa Sportiva
Oggetto: Comunicato Stampa dell’ASD Roccella

L’Asd Roccella intende stigmatizzare i fatti accaduti in occasione dell’incontro di calcio tra Usd Africo e Asd Roccella, disputato il 19 novembre 2022 presso lo Stadio Comunale Loc. Vescovado di Ardore.
Anzitutto occorre evidenziare come la terna arbitrale abbia autorizzato l’inizio dell’incontro in assenza di un medico presso almeno una delle panchine e di una postazione di emergenza medica assicurata mediante ambulanza.
Sin dalle prime battute, l’incontro si è svolto in un clima ai limiti dell’aggressione nei confronti dei calciatori del Roccella dentro il rettangolo di gioco.
Tale clima si è riverberato in aggressioni verbali ed offese nei confronti dei tifosi ospiti anche sugli spalti. Tali episodi non sono degenerati in atti di violenza fisica, solo per l’intervento moderatore del Vice Sindaco del Comune di Africo.
La situazione si è ulteriormente aggravata con l’episodio che ha visto vittima il nostro calciatore Marco Sorgiovanni.

Intorno al 32.mo minuto del secondo tempo, a gioco fermo, mentre si trovava nelle vicinanze della panchina del Roccella e si apprestava a posizionare il pallone per un calcio di punizione, in particolare mentre era abbassato, è stato arbitrariamente aggredito alle spalle e colpito con una violenta ginocchiata sulla schiena dal calciatore n. 21 dell’USD Africo, Leo Criaco, avvicinatosi con il solo ed unico intento di compiere l’atto di violenza.
Il Calciatore Marco Sorgiovanni si è accasciato al suolo perdendo immediatamente i sensi ed è così rimasto per alcuni interminabili secondi.
Solo l’intervento di alcuni nostri dirigenti, che hanno immediatamente praticato le manovre di emergenza sanitaria ha permesso di salvare la vita all’atleta.
Successivamente è intervenuto un medico che si trovava per caso sugli spalti ad assistere all’incontro.

Il nostro calciatore ha riportato gravi lesioni: un evidente ematoma sulla schiena e, dagli esami strumentali è risultata la lesione di due vertebre L2 – L3.
L’episodio travalica ogni logica sportiva e, a giudizio della società, trascende nella violenza gratuita, penalmente rilevante, cui non si dovrebbe mai assistere in occasione di manifestazioni sportive.
Sappiamo che l’autore del gesto violento è stato espulso dal campo su segnalazione dell’assistente arbitrale. Non sappiamo però come l’episodio sia stato descritto nel suo referto dalla terna arbitrale (composta dal Sigg.ri D’Auria di Vibo Valentia, coadiuvato dai Sigg.ri Azzarà e Di Giuseppe, entrambi di Reggio Calabria), la quale è apparsa, durante tutto l’incontro poco attenta e molto superficiale.

Per tale motivo riteniamo opportuno sollecitare l’attenzione degli organi responsabili affinchè, a prescindere dalle azioni in sede penale che la società sta valutando di intraprendere nei confronti dell’atleta responsabile, si vogliano adottare nei confronti dello stesso le sanzioni disciplinari sportive più adeguate alla gravità dell’episodio.
L’ASD Roccella intende denunciare a Codeste Autorità responsabili la condotta violenta ed anti sportiva tenuta dal Calciatore Criaco Leo, e si augura che la stessa dirigenza dell’USD Africo voglia adottare nei confronti dell’atleta tutte le misure opportune per impedire il verificarsi in futuro di simili episodi.

Crediamo che anche la Federazione abbia il compito di stigmatizzare i fatti, affinchè non venga in alcun modo posta in discussione la finalità educativa e di promozione sociale dello Sport, e del calcio in particolare, che, soprattutto a partire dalle categorie dilettantistiche, deve esse sinonimo di correttezza, fiducia e rispetto reciproco.

ASD ROCCELLA 1935