André Onana, il primo portiere di colore a difendere la porta dell’Inter

69

Abate, Albani, Alfonso, Annibale, Ballotta, Bandoni, Barluzzi, Belec, Binda, Bordon, Buffon, Bugatti, Caimo, Camilloni, Campelli, Carini, Carrizzo, Castellazzi, Cecotti, Ceresoli, Chiesa, Cipollini, Cocchi, Cordaz, Dal Corso, Da Pozzo, De Magistris I, Degani, Di Vincenzo, Ferretti, Ferron, Fontana A., Fontana M., Foschini, Franzosi, Frey, Ghezzi, Gianese, Girardi, Handanovic, Julio Cesar, Lattanzi, Lombardi, Lorieri, Malgioglio, Martina, Matteucci, Mazzantini, Miglio, Miniussi, Muller, Nobili, Nuzzo, Orlandoni, Padelli, Pagliuca, Peruchetti, Peruzzi, Pizzetti, Pontel, Puccioni, Radu, Recchi, Sain, Sarti, Sculli, Silvestri, Smerzi, Soldan, Toldo, Vieri, Zamberletti e Zenga sono, in rigoroso ordine alfabetico, i 73 portieri, noti e meno noti (Alfonso, Camilloni, Cecotti, Cordaz, De Magistri I, Fontana M. e Lattanzi hanno collezionato una sola presenza a testa), che hanno difeso la porta dell’Inter nel corso della sua storia.

Il camerunese André Onana nato a Nkol Ngok il 2 aprile 1996 è il numero 74 della lunga lista ma il primo di colore (nonché il primo di nazionalità africana, terra che in fatto di portieri ha avuto nel connazionale Tomas N’Kono la sua massima espressione) chiamato a difenderne la porta. Arrivato lungo i Navigli nell’estate del 2022 dall’Ajax (con i lancieri, dopo aver mosso i suoi primi passi in Camerun approdando nel 2010 nel settore giovanile del Barcellona per poi passare alla squadra riserve dello stesso Ajax, ha esordito nel 2016, anno che lo ha visto esordire anche con la nazionale camerunense) ha collezionato il suo primo gettone in maglia neroazzurra (pur vestendo una sgargiante divisa gialla) mercoledì 7 settembre 2022 nella partita di Champions League contro il Bayern Monaco valevole per la prima giornata della fase a gironi del gruppo C. L’unica pecca la sconfitta (anche ai tempi dell’Ajax il suo esordio fu segnato da una sconfitta) contro i bavaresi ormai a loro agio al Giuseppe Meazza al cospetto dell’Inter dove hanno sempre vinto in tutti e quattro i precedenti il primo dei quali risale al 7 dicembre 1988 quando, negli ottavi di finale della Coppa U.E.F.A. contro l’undici di Giovanni Trapattoni che si sarebbe aggiudicato lo Scudetto dei record, si imposero con un clamoroso 1-3 ribaltando lo 0-2 subito in terra tedesca firmato da una splendida doppietta di Berti.

CONDIVIDI