Tra Italia e Belgio a spuntarla quasi sempre sono stati gli azzurri

59

Italia e Belgio, che venerdì 2 luglio, all’Allianz Stadium di Monaco di Baviera, si giocheranno l’accesso alle semifinali del campionato europeo, nel corso della loro storia, si sono affrontate 22 volte con un bilancio che pende nettamente in favore degli azzurri che, nei confronti giocatisi dal 1913 (anno nel quale fu il centrocampista vercellese Ara a decretare l’1-0 in favore dell’Italia nell’amichevole andata in scena a Torino da una nazionale composta per ben nove undicesimi da calciatori vercellesi) al 2016, hanno messo insieme: 14 vittorie, 4 pareggi e sole 4 sconfitte. Per quel che riguarda, invece, la fase finale dei campionati europei il primo incrocio (18 giugno 1980) finì 0-0; mentre si conclusero con un 2-0 in favore dell’Italia le sfide del 14 giugno 2000 e del 13 giugno 2016.

Ai campionati europei del 1980, disputatisi in Italia, il nulla di fatto colto contro i diavoli rossi non fu, però, sufficiente alla qualificazione dell’undici di Enzo Bearzot che, giungendo secondo, lasciandosi dietro Inghilterra e Spagna (inglesi battuti 1-0 con rete di Tardelli e spagnoli che le imposero lo 0-0), in virtù del minor numero di reti segnate (una contro le tre del Belgio), sarebbe stato estromesso dalla finale che premiò la Germania Ovest. Tedeschi che, con una doppietta di Hrubesch, avrebbero vinto 2-1. Deludentissimo 4o per l’Italia che, nella finale per il 3o posto, cedette alla Cecoslovacchia dopo i calci di rigore. Molto meglio andò vent’anni dopo anche se, dopo il 1o posto nel gruppo B [9 punti in tre partite, merito dei tre successi contro: Turchia, Belgio (2-0 con reti di Totti e Fiore) e Svezia], il 2-0 alla Romania nei quarti di finale, e la vittoria contro l’Olanda dopo i calci di rigore, grazie a un Toldo sopra le righe, fu la Francia a trionfare con il golden gol di Trezeguet che spezzò l’equilibrio frutto delle reti di Del Vecchio e Wiltord che aveva rimesso i transalpini in carreggiata al minuto 90. Nel 2016 Italia e Belgio si ritrovarono di fronte nel Gruppo E. A qualificarsi furono: Italia (che col Belgio vinse 2-0 per le reti di Giaccherini e Pellè), Belgio e Irlanda, ma, dopo il 2-0 alla Spagna negli ottavi di finale, giunta nei quarti di finale a fermare la corsa degli azzurri fu la Germania uscita vincitrice dopo i calci di rigore. Europeo vinto dal Portogallo che batté la Francia padrona di casa.