Serie A 11a giornata: Il Milan rallenta e l’Inter si avvicina

38

Il Milan, salvatosi grazie a una doppietta del francese Hernandez, che ha riacciuffato per i capelli il Parma che al Giuseppe Meazza si era portato sul doppio vantaggio con Hernani e Kurtic, mantiene la vetta della classifica ma le inseguitrici ne approfittano accorciando il distacco. La sfida più difficile, non foss’altro per le scorie della cocente eliminazione europea patita, era quella della vicecapolista Inter e, infatti, in quel di Cagliari, dopo essere andata sotto (rete di Sottil al termine di un primo tempo dove sono stati, comunque, i ragazzi di Conte a fallire a più riprese il vantaggio), ha dovuto attendere l’ultimo quarto di gara per ribaltare i sardi, con l’ex Barella, il neoentrato D’Ambrosio e Lukaku, portandosi, così, a meno tre dai cugini.

Vittorie anche per Napoli (2-1 alla Sampdoria con Lozano e Petagna a rispondere al vantaggio dei liguri con Jankto) e Juventus che, solo con due calci di rigore di Ronaldo, ha la meglio sul Genoa che cade per la quinta volta consecutiva tra le mura di casa. Quinta piazza per il Sassuolo anche se il merito dell’1-0 inferto al Benevento, con un calcio di rigore di Berardi, è di Consigli che ha salvato a più riprese i suoi rimasti in dieci per quasi tutta la ripresa (espulso Haraslin). A inseguire i neroverdi di De Zerbi c’è la Roma che ha surclassato il Bologna al Dall’Ara con un fragoroso 1-5 chiuso, al minuto 44 del primo tempo, da Mkhitaryan.

Continua a far bene l’Hellas Verona che, grazie alla prima rete nella massima serie dell’ex atalantino Tameze, favorita da una leggerezza di Radu, si impone 1-2 all’Olimpico contro la Lazio raggiunta dall’Atalanta che rifila un secco 3-0 a una Fiorentina sempre più in crisi. Di Gosens, Malinovsky e Toli le marcature dell’undici di Gasperini reduci dal brillante successo colto all’Amsterdam Arena contro l’Ajax che è valso il passaggio agli ottavi di finale di Champions League alla pari di Juventus e Lazio.

Questi gli altri risultati a completare il quadro: Torino – Udinese 2-3 (con un piattone di Nestorovki ad affondare i granata); Crotone – Spezia 4-1 con l’undici di Stroppa che, dopo essersi portato in vantaggio con Messias venendo quasi subito ripreso da Farias, cala il tris del primo successo stagionale nella ripresa con: Reca, Eduardo Henrique e ancora Messias.

CONDIVIDI