Serie A 18a giornata: All’Inter il derby d’Italia al Milan la vetta

24

È ancora il Milan, che ha chiuso la gara in dieci per l’espulsione di Saelemeakers a un quarto d’ora dal novantesimo, a comandare dopo lo 0-2 inflitto al Cagliari alla Sardegna Arena con due zampate dell’eterno Ibrahimovic che, confezionandosi l’ennesima doppietta stagionale (calcio di rigore dopo appena 7 minuti e colpo del definitivo ko a inizio ripresa), mantiene l’Inter a tre lunghezze di distanza. Meneghini che, al termine di un derby d’Italia dominato, sgretolano una Juventus fin troppo arrendevole messa sotto dagli orchestrali di un Antonio Conte che ha avuto in Vidal e Barella (sontuosa la prestazione del giovane centrocampista sardo) le dolcissime note in una notte milanese che si è illuminata a giorno. Per la statistica è la sesta volta che l’Inter (considerando le sfide giocatesi a Milano in campionato) ha la meglio sulla Juventus con il più classico dei risultati.

Bianconeri adesso quinti, con un distacco dalla vetta sempre più consistente, che vengono scavalcati dal Napoli che aggancia la Roma (battuta nel derby capitolino 3-0) dopo aver inferto alla Fiorentina un tennistico 6-0 aprendo il festival del gol dopo appena 5 minuti con Insigne per chiuderlo con un delizioso sinistro di Politano a sessanta secondi dal novantesimo. Sesta piazza per l’Atalanta imbrigliata dal Genoa che si porta a casa un prezioso 0-0. Finisce, invece, 1-1 la sfida tra il Sassuolo e il Parma con i ragazzi di De Zerbi che riprendono i ducali, portatisi sullo 0-1 con Kucka, grazie a un calcio di rigore di Djuricic al minuto 95.

Questi gli altri risultati a completare il quadro: Sampdoria – Udinese 2-1 (vantaggio dei friulani con l’olandese Zeegelaar e rimonta blucerchiata firmata da un calcio di rigore di Candreva e da Torregrossa); Bologna – Hellas Verona 1-0 (Orsolini al minuto 10 su calcio di rigore); Torino – Spezia 0-0 (l’ennesimo passo falso in casa granata, nonostante gli spezzini siano rimasti in dieci dal minuto 8 per l’espulsione di Vignali, è costato la panchina a Marco Giampaolo esonerato in favore di Davide Nicola); Crotone – Benevento 4-1 con una goffa autorete di Glik, una doppietta di Simy e un millimetrico destro del serbo Vulic a dar sostanza a un successo che fa ben sperare nonostante l’ultima piazza.