Serie A 23a giornata: l’Inter fa suo il derby e rafforza il primato

10

La 4a giornata del girone di ritorno, aperta su tutti i campi con un minuto di raccoglimento in memoria di Mauro Bellugi, da ulteriore slancio all’Inter che, facendo suo il derby della Madonnina numero 228 (le vittorie dei bauscia adesso sono 84) con un netto 0-3 (doppietta di Lautaro e Lukaku e con super Handanovic a dire no due volte a Ibrahimovic e una a Tonali a inizio ripresa), allunga il passo sugli stessi rossoneri, giunti al terzo ko nelle ultime cinque uscite, staccati adesso di quattro lunghezze dalla vetta. Un punteggio che in casa neroazzurra, per quel che riguarda la stracittadina milanese, non si vedeva dal 22 marzo 1998 quando una doppietta di Simeone e Ronaldo premiarono l’undici di Gigi Simoni. Si rifà sotto la Juventus, che approfittando del nulla di fatto della Roma a Benevento, balza al terzo posto dopo aver rifilato un secco 3-0 al Crotone con Ronaldo che, sul finire della prima frazione di gioco, manda al tappeto l’undici calabrese con due zuccate delle sue che subisce la rete stagionale numero 55 al minuto 66 con McKennie dopo un batti e ribatti sugli sviluppi di un calcio d’angolo. A un punto dal quarto posto, occupato dalla Roma, seguono Atalanta e Lazio con i bergamaschi che mandano al tappeto il Napoli, con un 4-2 aperto da Zapata al minuto 52, mentre ai biancocelesti basta il minimo sindacale (1-0 con rete di Luis Alberto) per avere ragione della Sampdoria.

Questi gli altri risultati a completare il quadro: Fiorentina – Spezia 3-0 (con le reti nella ripresa di: Vlahovic, Castrovilli ed Hyserric); Cagliari – Torino 0-1 (rete di Bremer al minuto 76 e cagliaritani che vedono avvicendarsi in panchina Semplici al posto dell’esonerato Di Francesco); Genoa – Hellas Verona 2-2 (grifoni salvati in piena zona cesarini da Badelj); Sassuolo – Bologna 1-1; Parma – Udinese 2-2 con le reti nella ripresa di Okaka e Nuytinck che rimontano il doppio vantaggio dei ducali.

CONDIVIDI