Reggina, Toscano: “Lo stato fisico sarà la vera incognita”

14

Prima conferenza del 2022 per mister Toscano, il quale presenta la sfida di domani al Granillo contro il Brescia. Il tecnico reggino analizza il momento attuale della squadra, impegnata in una sfida non semplice ma importante per il prosieguo della stagione.

IL MOMENTO – “E’ una situazione particolare, siamo stati colpiti dal Covid e tornati in campo solo tre giorni fa. Dobbiamo dare continuità al pareggio di Como, sicuro ci vorrà tanta testa e cuore perché allenare una squadra con 9 calciatori, non è semplice riaverli tutti a disposizione dopo tre settimane di divano. I ragazzi vogliono comunque fare una buona prestazione”, ha esordito il tecnico. “Dal punto di vista sanitario stiamo bene, dobbiamo capire invece lo stato fisico – prosegue –. Servirà la testa giusta, giocando di gruppo per sopperire alle difficoltà. Da reggino mi auguro che il club possa rifare questo campionato, poi ciò che succederà in futuro non sappiamo. I problemi dell’ultimo mese non possiamo dimenticarli, l’allenatore non ha la bacchetta magica, ma può aiutare i calciatori ad uscire dal momento complicato”.

SUL BRESCIA – “L’avversario sta cercando di rinforzare l’organico, dipenderà tutto da noi e da come approcceremo alla gara. Sono convito che con una buona prestazione arriverà il risultato. L’individualità del Brescia certamente preoccupano, ha qualità tecniche importanti e giocatori che possono determinare il risultato, dovremo limitarli. Questo è un campionato bastardo, il livello è alto, dovremo dare continuità al risultato positivo di Como”.

Niente informazioni sul modulo con il quale la Reggina scenderà in campo: “Non ci ho mai creduto al sistema di gioco, sono i principi che determinano la prestazione. Il modulo è dinamico, noi affrontiamo una squadra allestita per vincere il campionato. Guardiamo l’ultimo mese della squadra, non abbiamo risolto ancora i problemi, dobbiamo uscire al più presto da una situazione complicata”.

Infine, una battuta sul nuovo acquisto Giraudo e sugli altri componenti: “Ci dobbiamo riunire con staff tecnico e sanitario, non abbiamo diramato neppure i convocati, capiremo chi è che potrà dare una mano. Non ci sarà nessuna indisponibilità”.