La Reggina impone la legge del Granillo

58

Il Granillo come un fortino inespugnabile. Anche la Vibonese, come le precedenti avversarie sono costrette ad abdicare di fronte alla forza della Reggina. Infatti, sono tre su tre le vittorie casalinghe degli amaranto che si sbarazzano dei rossoblù di mister Modica con una facilità devastante, che, di conseguenza fà aumentare a dismisura l’entusiasmo del popolo reggino. La squadra di Mimmo Toscano non ha rischiato mai nulla e, al tempo stesso, non ha impresso al match ritmi elevatissimi, risparmiando importanti energie in vista della sfida contro la Ternana di mercoledì. Una vittoria che ha dimostrato la notevole differenza tecnica tra le due squadre con la consapevolezza che la Reggina ha già assunto le vesti di grande squadra, portando a casa il bottino pieno senza patemi.

Nonostante un piccolo turn-over messo in atto da Toscano, la Reggina gioca senza fronzoli, con la solita incisività e concretezza dando l’impressione che mettere in cascina altri tre punti sia un gioco da ragazzi. L’undici amaranto copre bene tutte le zone del campo, raddoppia le marcature quando serve e porta avanti un pressing alto bloccando sul nascere potenziali azioni d’attacco della Vibonese. Non è un caso, quindi, che Guarna rimanga inoperoso per tutta la partita.

La classifica attuale sorride alla Reggina. Tra le concorrenti al salto di categoria è l’unica imbattuta, vantando il miglior attacco con 12 gol e la seconda miglior difesa del campionato con appena 3 reti subite, frutto di calci da fermo (solo il Potenza ha fatto meglio con due). Dati che evidenziano l’ottimo inizio della Reggina e che mandano un segnale chiaro a tutte le altre concorrenti. Per la promozione diretta ci sono anche gli amaranto, una squadra composta di giocatori sopra la media con una proprietà di palleggio che consente di colpire in qualsiasi momento e poi di gestire in tutta tranquillità, come accaduto ieri.

Se Bari è stato un banco di prova superato brillantemente, Terni potrà ribadire con forza la qualità tecnica e umana di questa squadra.

CONDIVIDI