Serie D il punto sulla 3° giornata

di Francesco Lacquaniti

69

La terza giornata del campionato (nella quale è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime dell’alluvione di Livorno), con il caso Vibonese più intricato che mai, vede isolarsi in vetta alla classifica l’Ercolanese di Squillante che, nell’attesissimo derby del Vesuvio, si sbarazza del Portici rifilandole un perentorio 0-3.

Riguardo le squadre calabresi l’unico sussulto è della Cittanovese di Zito che, nonostante avesse di fronte il blasonato Messina, non si lascia per nulla intimorire piazzando il colpo fatale con Lavilla, che manda in visibilio il folto pubblico di casa accorso al Morreale Proto, per una storica vittoria che entrerà per sempre negli annali della compagine preaspromontana, facendo piombare nello sconforto più assoluto i peloritani di Venuto, pronto a mettersi da parte, giunti alla terza sconfitta in tre partite.

La Palmese invece, dopo aver raccolto due vittorie nelle prime due giornate, inciampa in terra siciliana contro il neopromosso Paceco abile a piazzare, tra il primo e il secondo tempo, l’uno due con Cappilli e Terranova, rendendo vana la rete di Orlando nel finale.

Per il Roccella e l’Isola Capo Rizzuto, cadute ad Acireale e in casa contro l’Ebolitana, è notte fonda con i due tecnici, Giampà e Misiti, chiamati a far invertire il preoccupante trend negativo di questo primissimo scorcio di stagione.

Rallenta la Nocerina di Morgia, fermata sull’1-1, al San Francesco, dall’Igea Virtus, con Tramonte che riacciuffa i molossi; il Troina centrando la seconda vittoria in trasferta, grazie alla decisiva doppietta dell’argentino Del Col, impone l’1-3 alla Gelbison; mentre la sfida tutta siciliana tra Sancataldese e Palazzolo, andata in scena al Valentino Mazzola, viene decisa da Ficarrotta che regala i tre punti ai sancataldesi vittoriosi 3-2.

CONDIVIDI