Serie D girone I: il punto dopo la trentatreesima giornata

62

La trentatreesima giornata del campionato di Serie D girone I, oltre alla festa promozione del Bari (nella foto tratta da tuttobari.com la gioia dei biancorossi con la coppa per la vittoria del campionato) che, in un San Nicola gremito da quasi 20.000 spettatori, supera 2-1 il Rotonda che saluta, così, la Serie D, registra i successi della Turris (4-0 alla Nocerina con Longo che mette a segno la rete numero 22) e del Marsala 2-0 al Troina con una rete per tempo di Manfrè e Balistreri su calcio di rigore. Vittoria che per i trapanesi di Giannusa vale la matematica conquista del terzo posto.

Pareggio, e con parecchi rimpianti, per il Castrovillari che, in casa contro il Gela, viene ripreso da Retucci al minuto 96, e successo in zona cesarini per l’Acireale sul Portici arresosi 3-2 alle pendici dell’Etna con la doppietta di Manfrellotti (giunto a 15 marcature) a far segnare il passo ai campani.

Griglia play off che, nell’ordine, vedrà battagliare, oltre a Turris e Marsala, due tra Castrovillari, Acireale e Portici. Per la Cittanovese, invece, caduta al Morreale Proto contro il Roccella (di Pizzutelli la rete ospite), il sogno play off può dirsi praticamente chiuso. In zona play out, oltre al Roccella, vince anche il Locri (2-1 su una Palmese ormai con i remi in barca) ma le concomitanti affermazioni di Città di Messina e Sancataldese (corsare in casa dell’Igea Virtus, rete di Galesio, e del Messina che rischia di essere clamorosamente risucchiato dagli stessi nisseni portatisi a meno uno) rimandano tutto a domenica prossima. Il sentore, per le due compagini della fascia ionica, è che la coda del campionato potrebbe vederle giocare fuori casa con l’obbligo della vittoria se vorranno salvare la categoria.

Dopo le promozioni di Lecco, Picerno e Bari, a novanta dalla fine, fanno il balzo tra i professionisti Como e Arzignano Valchiampo. Per i vicentini, guidati dal giuliese Danilo Di Donato (che negli anni quaranta presero parte a tre campionati di SERIE C), si tratta di un graditissimo ritorno atteso ben 71 anni.