Palmese, futuro nebuloso alle pendici del monte Sant’Elia

164

Al termine della riunione tenutasi ieri sera nella sala consiliare del comune di Palmi si è giunti all’amara conclusione che l’attuale dirigenza della Palmese (oltre all’assessore allo sport Giuseppe Magazzù, per il sodalizio neroverde erano presenti il presidente Rocco Simone e il vicepresidente Giuseppe Simone) non è più in grado di portare avanti il progetto Palmese sposato nello scorso mese di luglio e, come da loro stessi riferito, non si farà ne il ricorso al TAR del Lazio (secondo passaggio per tentare di salvare la Serie D) e ne la domanda per un eventuale ripescaggio.

Stando così le cose l’unica strada percorribile è quella che la squadra venga rilevata da una cordata imprenditoriale locale o meno che riporti quell’entusiasmo ormai sopito fra i tifosi (i presenti erano veramente pochissimi) e, ovviamente, le risorse economiche necessarie per affrontare da protagonisti il campionato di Eccellenza a meno che non si voglia tentare di “riappropriarsi” della Serie D anche se i tempi affinché si compia quello che sarebbe l’ennesimo miracolo sono ormai strettissimi… Et posteris judicas.