Playoff Serie D, San Luca eliminato ma comunque vincitore

249

Il sogno promozione per il San Luca si spegne in casa della Gelbison, dove i ragazzi di mister Cozza escono sconfitti in rimonta per 2-1. Una gara decisa da episodi arbitrali che ancora una volta hanno penalizzato la formazione giallorossa, che ha chiuso in otto uomini per le espulsioni di Scuffia, Spinaci e Carella.

Il rigore assegnato ai campani, trasformato poi da Sparacello, è da definirsi per lo meno generoso, tanto da innervosire gli animi di Scuffia e compagni. Le due reti che hanno consentito alla Gelbison di ribaltare il risultato, sono nate da situazioni equivoche come il goal del pareggio di Mesina, viziato da un fallo ai danni di Pezzati. San Luca che deve prendersela anche con la sfortuna, con Leveque che dopo una bella iniziativa personale vede la sua conclusione schiantarsi sul palo interno. Ma è la direzione del signor Di Cicco ad aver inciso nel risultato finale, avendo utilizzato un metro di misura diverso nelle decisioni prese.

In questa stagione non è la prima volta che il San Luca viene fermato da torti arbitrali, facendo pensare ad un accanimento ingiustificato nei confronti di una realtà che dovrebbe essere presa da esempio da parte di molti. Resta il rammarico tra i giallorossi per aver subito un’eliminazione a causa di un arbitraggio inadeguato, senza nulla togliere alla Gelbison che come il San Luca ha disputato una grandissima stagione. La stagione per il San Luca si conclude qui, ma in ogni caso da vincitori, perché al primo anno di Serie D società e squadra hanno dato dimostrazione di fare calcio in maniera seria e professionale.

Il San Luca ha vinto a prescindere, specie contro chi ha remato contro durante l’intera stagione, costretto a sua volta ad arrendersi alla forza di una squadra che ha sempre messo in campo qualità , tanto cuore e senso di appartenenza. Al San Luca, inteso come società e squadra, va detto soltanto grazie per aver dato lustro e orgoglio all’intera Calabria e non solo. La favola San Luca non finisce qui, c’è tanta voglia di scrivere ancora nuove pagine di storia, fatte di amore e raggiungimento di nuovi traguardi. Gli sconfitti sono altri, San Luca ha vinto e vincerà ancora, contro tutto e tutti.