Terminati i play off della Serie D, nel girone I a imporsi è stata l’Igea Virtus

57

Dopo la vittoria della COPPA ITALIA ottenuta dai veneti del Campodasergo, ben guidati dal tecnico sessantunenne Fonti, e in attesa di sapere a chi andrà lo SCUDETTO che, al termine dei tre triangolari, nelle semifinali, in programma il prossimo 31 maggio in Toscana, vedrà affrontarsi la Pro Patria contro l’Albissola e il Gozzano contro la Vibonese, vittoriosa sia contro il Potenza, 4-0, che contro il Rieti, 1-2, gli altri verdetti del massimo campionato dilettantistico 2017-18, conclusosi con la disputa delle finali play off, hanno visto affermarsi la Cavese, che in caso di ripescaggio in SERIE C, con un coefficiente di 2,23, sarà la prima a beneficiarne; quindi il Como (coefficiente 2,13); il Matelica (coefficiente 2,08); l’Albalonga (coefficiente 2,05); l’Arzignano Valchiampo (coefficiente 1,97); l’Imolese (coefficiente 1,86); la Pergolettese (coefficiente 1,86 settima per il peggior piazzamento in campionato rispetto all’Imolese); il Ponsacco (coefficiente 1,82) e l’Igea Virtus (coefficiente 1,76).

A seguire la graduatoria delle nove perdenti nell’ordine: il Campodasergo (coefficiente 2,00), il Taranto (coefficiente 2,00 secondo per il peggior piazzamento in campionato rispetto al Campodasergo), la Sanremese (coefficiente 1,97), l’Ercolanese (coefficiente 1,88), il Chieri (coefficiente 1,86), il Trastevere (coefficiente 1,82), il Darfo Boario (coefficiente 1,77), il Forlì (coefficiente 1,76) e il Pineto (coefficiente 1,72).

Per quanto riguarda il girone I a imporsi è stata, quindi, l’Igea Virtus di Raffaele che ha rifilato un netto 0-3 in terra campana all’Ercolanese per merito delle reti, maturate nel corso della seconda frazione di gioco, di Ferrante al quale è seguita la doppietta dell’ucraino Kosovan.