Terza Categoria, ormai è una faccenda a due per il primato

350

Sette giornate alla fine. Due mesi che decreteranno, salvo un arrivo a pari punti con conseguente spareggio, chi sarà la regina del campionato di Terza Categoria. A contendersi il titolo ormai sembrano essere Siderno e Rizziconi, le quali hanno scavato un margine cospicuo sulle altre.

Gli jonici hanno un punto in più in classifica ma i pianigiani hanno dalla loro parte la possibilità di giocare lo scontro diretto in casa tra tre giornate. Sarà l’8 marzo la data chiave del campionato? Vedremo, ma di certo i match insidiosi non mancano per entrambe.

Il Siderno infatti, prima del match clou e dopo la prossima gara in programma domenica tra le mura amiche contro il Mamerto, farà visita alla Nuova Antoniminese, compagine da prendere con le pinze e in pienissima lotta per i playoff. Insidiose anche le ultime tre con le trasferte di Caulonia contro il Cspr (che all’andata ha espugnato in rimonta il campo di Grotteria) e Saline Joniche (in netta crescita) intervallate dal match interno contro l’Asisport Taurianovese. Nel complesso tre gare in casa e quattro fuori.

Non meno complicate le trasferte del Rizziconi. Anzi. I ragazzi di Barresi infatti devono ancora fare visita a Saline Joniche, Sangiorgese e Cspr. Tutte squadre che guardano ai playoff. E in casa domenica riceveranno anche l’Antoniminese. Quattro gare tra le mura amiche e tre fuori per la società del presidente Sette che intanto si gode la vena realizzativa degli scatenati Bello e Rotolo.

Un appassionante testa a testa che però potrebbe servire solo per la gloria del primo posto: chi arriverà seconda infatti, se manterrà un margine di 10 lunghezze sulla quinta, potrà festeggiare ugualmente il salto di categoria. E al momento i punti che separano il Rizziconi (secondo) dal trio Asisport Taurianovese-N.Antoniminese-Saline sono 9.

Capitolo a parte invece la lotta per i playoff. In cinque sembrano lottarsi i tre posti disponibili, fermo restando che, chi arriva quinta, considerando la situazione attuale, rischia di rimanere fuori. Un campionato sempre incerto e appassionante dunque.

CONDIVIDI