La Volley Reghion torna con la vittoria dalla trasferta di Letojanni

17

Prova di carattere per le ragazze della Volley Reghion che spezzano finalmente una striscia di sconfitte andando a vincere sul campo dell’Amando Volley. Di seguito il post pubblicato sulla pagina facebook della squadra reggina.

La striscia negativa della Volley Reghion si interrompe a Letojanni in casa dell’Amando Volley, dopo un match nel quale le reggine hanno giocato una partita di grande volontà. È riscatto. Una prova davvero corale da parte di tutte le ragazze che, dopo gli allenamenti settimanali, vengono ripagate di tutti i sacrifici.
Primo set che viene portato a casa dalle reggine per 25-15.
Bene sia in attacco che in difesa, quest’ultima ha visto ottimi muri da parte delle centrali Papa e La Rosa ed anche dell’opposto Varaldo. Volley Reghion che sin dal primo pallone è scesa in campo con la voglia di far bene e si è visto in questo primo parziale portato egregiamente a casa e che è stato chiuso da un ace di Varaldo.

L’inizio del secondo set vede le ragazze di Mister Monopoli partire a rilento e commettendo qualche errore che viene prontamente bloccato sul 6-3 per le padrone di casa, dopo un timeout del tecnico pugliese.
Dopo uno stallo fatto di pareggi e più uno per la Volley Reghion, le biancoblu si mettono a testa bassa e sulla scia del set precedente iniziano a prendere il vantaggio fino a portare a casa anche questo set per 20-25.
Finalmente le biancoblu giocano la pallavolo che era mancata ultimamente e che si era vista a sprazzi nella gara precedente contro Akademia.

Terzo set che si apre quasi in fotocopia del precedente, con le reggine che partono un po’ a rilento, nonostante Nielsen provi a dare carica alle ragazze. Si arriva sul 7-4 per l’Amando Volley e Mister Monopoli ricorre al timeout per cercare di far tornare le sue ragazze sulla strada precedente.
Le reggine purtroppo non riescono a riprendere l’inerzia della gara, complice anche le belle giocate di Dona’ e Ferrarini. Sul 15-11 Mister Monopoli chiama nuovamente timeout per cercare ancora una volta di far tornare le ragazze sulla strada che le ha viste vincere i primi due set. Nonostante i timeout, le ragazze in biancoblu non riescono a rimontare e così facendo l’Amando porta a casa un set prezioso che fa riavvicinare la squadra di casa.
Finisce 25-17 per l’Amando.

Quarto parziale che vede partire agguerrite le reggine, ma dall’altra parte Dona’ e socie hanno l’inerzia della gara dalla loro parte e si portano sul 10-5 dopo gli errori della Volley Reghion. Anche questa volta il tecnico Monopoli è costretto al timeout.
Reggine che però non riescono a svegliarsi da questo incubo e parziale che va sempre più verso le padrone di casa, ma l’Amando fa qualche errore di troppo e le biancoblu ne approfittano per arrivare sul meno uno che costringe Mister Jimenez al timeout. Le reggine non mollano e vedono ormai il possibile pareggio e dopo averlo raggiunto vanno in vantaggio con una schiacciata di Nielsen, che così facendo costringe la squadra di casa al timeout. La Reghion si porta a 24 grazie ad un ace di Papa e subito dopo Varaldo realizza il punto della vittoria, ma così non è per una segnalazione del secondo arbitro che dá un cambio di punto. Festa rimandata di poco perché ci pensa Nielsen a chiudere la gara che fa ritrovare la vittoria alla Volley Reghion.

Una vittoria importantissima per le biancoblu che dà morale e grinta, quella che servirà proprio contro Aragona settimana prossima.
“Noi viviamo del gruppo, viviamo momenti positivi come anche quelli negativi. Finalmente abbiamo avuto la costanza di dimostrarlo” – ha dichiarato Mister Monopoli – “Dopo la sconfitta del terzo set era più probabile abbassare la testa e subire il gioco dell’avversario, è stato così inizialmente, ma poi abbiamo avuto una grandissima reazione che ha dimostrato, ancora una volta, soprattutto alle ragazze, che nel campionato possono essere protagoniste. La vittoria in questo campo non era assolutamente facile, ce la siamo meritata, ce la siamo sudata dando il massimo dell’impegno in palestra, ci sono ancora margini di miglioramento e ci giochiamo l’ultima gara contro Aragona col dente avvelenato e col sangue agli occhi come è giusto che sia.
All’andata non meritavamo di perdere – conclude Monopoli – a differenza di allora, oggi siamo stati molto lucidi nel finale del quarto set, lo siamo stati leggermente meno nel tie-break dell’andata. Oggi siamo stati molto bravi a limitare il loro gioco allontanandoli dalla rete e finalmente ci siamo portati l’intera posta in palio che ci mancava da un paio di giornate”